US Navy: storia, struttura e composizione

La Marina è un efficace strumento geopolitico che consente allo stato di difendere i suoi interessi ben oltre i suoi confini in varie parti del mondo. L'ammiraglio americano Alfred Mahan scrisse nel suo libro The Influence of Sea Power on History, che le forze navali (Navy) influenzano la politica per il fatto della loro esistenza. Nel 19 ° secolo, i confini dell'Impero Britannico furono determinati dai lati delle sue navi da guerra: nel secolo scorso, la Marina degli Stati Uniti divenne il principale egemone dell'Oceano mondiale. Una situazione simile persiste oggi, molto probabilmente, che nulla cambierà nei prossimi decenni.

Attualmente, gli Stati Uniti hanno la marina più numerosa del pianeta. La Marina USA comprende la maggior parte delle portaerei, gli americani hanno la flotta e gli aerei sottomarini più potenti, le loro basi navali sono sparse in tutto il mondo. Nessun paese al mondo può confrontarsi con gli Stati Uniti in termini di finanziamento delle proprie forze navali. Questa è la base principale di questo potere senza precedenti, gli altri stati semplicemente non possono permettersi un decimo di tali spese.

La Marina e le forze strategiche sono la base del potere americano, con l'aiuto delle portaerei, risolve i suoi problemi geopolitici in tutto il mondo e, senza imbarazzo, usa la Marina in "lotte" coloniali.

Oggi, gli Stati Uniti hanno il potenziale scientifico e tecnico più potente del pianeta, che funziona anche per la Marina. Il governo del paese finanzia dozzine di programmi volti ad aumentare le capacità di combattimento, l'efficacia e la sicurezza della flotta. Nuove navi vengono lanciate ogni anno, la flotta è equipaggiata con i più moderni tipi di armi e equipaggiamento militare.

Dopo la fine della Guerra Fredda, la flotta statunitense subì una certa riduzione, ma all'inizio di questo secolo cominciò di nuovo ad aumentare, sia in quantità che in qualità.

Storia della Marina degli Stati Uniti

La marina americana è relativamente giovane, la sua storia è iniziata poco più di duecento anni fa. Nel 1775, il Congresso continentale decise di staccare due piccole navi a vela per intercettare i trasporti britannici che rifornivano le forze coloniali britanniche nelle Americhe.

Nei tre anni successivi alla guerra, gli americani crearono una piccola flottiglia, il cui compito principale era "lavorare" sulle comunicazioni degli inglesi. Dopo la fine delle ostilità (nel 1778), fu sciolto.

Alla fine del XVIII secolo, i pirati algerini che attaccarono le navi mercantili americane divennero un grosso problema. Per combattere questo problema nel 1794, il Congresso approvò la legge sulla creazione della Marina (atto navale). Tre anni dopo furono varate tre fregate e nel 1798 apparve un ministero separato che trattava gli affari della flotta.

La giovane flotta partecipò a diverse piccole campagne, difese navi mercantili dai pirati, combatté con i mercanti di schiavi britannici e catturati. La US Navy partecipò alla guerra con il Messico, assicurando lo sbarco dell'esercito degli Stati Uniti sul territorio nemico.

Durante la Guerra Civile, che durò dal 1861 al 1865, la maggior parte della flotta americana si unì ai nordici, che in gran parte determinarono il futuro del Nord. Le navi da guerra hanno bloccato i porti meridionali. Per la prima volta, le navi a vapore corazzate, note come monitor, hanno partecipato a questo conflitto. Nel 1862, la prima battaglia ebbe luogo tra tali navi corazzate.

Dopo la fine della guerra civile, la flotta americana cadde nuovamente in decadenza e questa situazione cominciò a cambiare solo negli anni '90. Gli Stati Uniti aumentarono rapidamente il loro potere economico e diventarono lo stato più forte nell'emisfero occidentale. Per far avanzare i loro interessi, avevano bisogno di uno strumento efficace: una potente flotta.

Nel 1898, gli americani sconfissero gli spagnoli dalle Filippine e all'inizio del XX secolo adottarono un ambizioso programma per la costruzione di nuove navi da guerra. Nel 1917, la US Navy entrò nella prima guerra mondiale. Oltre a partecipare a battaglie, la US Navy assicurò la consegna di truppe americane in Europa.

A quel tempo, il metodo di guerra in mare cominciò a cambiare rapidamente: sottomarini e aerei apparvero, armi da siluro migliorate, le prime portaerei furono gettate. Le potenti navi da guerra svanirono gradualmente nel passato, il loro posto fu occupato da incrociatori e cacciatorpediniere.

La Seconda Guerra Mondiale per gli Stati Uniti iniziò con l'attacco dei giapponesi alla base di Pearl Harbor, dove tutte le navi da guerra della flotta del Pacifico furono distrutte, ma le portaerei riuscirono a sopravvivere. In questo conflitto, la Marina degli Stati Uniti ha dovuto combattere in due teatri di operazioni contemporaneamente.

Nell'Atlantico, la flotta americana doveva pattugliare i convogli di navi da trasporto e proteggerli dai sottomarini e dagli aerei tedeschi e nell'Oceano Pacifico per condurre una classica campagna marittima contro una flotta giapponese molto forte. La US Navy ha partecipato a quasi tutte le operazioni di sbarco alleate in Europa e in Nord Africa.

Alla fine della guerra, la Marina degli Stati Uniti aveva già più di 80 portaerei, la maggior parte delle quali erano state convertite da navi civili. Nel 1955 fu lanciato il sottomarino nucleare Nautilus, la prima nave del genere. Nel 1961, la prima compagnia aerea a propulsione nucleare al mondo si unì alla flotta americana.

Durante la Guerra Fredda, il principale nemico della Marina degli Stati Uniti era la flotta sovietica, che molto rapidamente divenne un nemico formidabile. L'URSS aveva una flotta di sottomarini nucleari numerosa equipaggiata con missili nucleari balistici. La lotta contro di lui è diventato il compito principale dei marinai militari americani.

La flotta americana era in prima linea nel confronto tra le due superpotenze. Navi da guerra e marines hanno partecipato alla campagna vietnamita, bloccato Cuba durante la crisi dei Caraibi e hanno atterrato truppe nella penisola coreana.

A partire dagli anni '60, iniziò lo sviluppo attivo della flotta di portaerei nucleari. All'inizio questo programma è stato criticato, ma nel tempo si è pienamente giustificato. Oggi le portaerei sono i veri padroni dei mari. Un gran numero di risorse sono state anche dirette allo sviluppo della flotta nucleare sottomarina. Negli anni '80, gli Stati Uniti raggiunsero la parità con l'URSS sui sottomarini (sia quantitativi che qualitativi).

La Marina Americana e il Corpo dei Marines parteciparono a tutti i conflitti locali della seconda metà del secolo scorso.

Nel 2008, il numero del personale della Marina degli Stati Uniti era di 332 262 persone, su 51 mila aveva un grado ufficiale. La flotta americana ha molte basi in diverse regioni del pianeta.

US Navy Structure

La US Navy è uno dei cinque tipi di forze armate del paese. La loro struttura organizzativa ha cambiato poco più di duecento anni di esistenza.

La US Navy è divisa in due unità strutturali: la marina e i marines, ognuno dei quali ha una composizione e una riserva valide. Allo stesso tempo, i marines (MP), anche se di solito operano insieme alla marina, hanno il loro comando e la loro struttura. È equiparato a un ramo separato delle forze armate, e il suo comandante è un membro del comitato dei capi di stato maggiore.

C'è anche la Guardia Costiera (ARM), che fa parte del Dipartimento della Sicurezza Nazionale, ma durante la guerra o le emergenze, è riassegnata alla leadership della Marina.

Ci sono diversi Comando della Marina degli Stati Uniti: Comando della Marina degli Stati Uniti (questa è l'ex flotta atlantica), la flotta del Pacifico, la marina europea e il comando della spedizione.

Operativamente, la US Navy è divisa in sei flotte: Seconda, Terza, Quarta, Quinta, Sesta, Settima.

Le flotte operative sono formate da navi da combattimento e ausiliarie e personale a rotazione. Il periodo di rotazione medio è di sei mesi.

I comandi delle forze della flotta (che chiameremo la flotta atlantica) formano le seguenti flotte:

  • Seconda flotta. Schierato a nord dell'Atlantico;
  • La quarta flotta. Schierato nell'Oceano Atlantico del Sud, nei Caraibi;
  • Sesta flotta Il suo luogo di spiegamento è il Mediterraneo.

Il comando della flotta del Pacifico forma le seguenti flotte operative:

  • Terzo. Luogo di spiegamento: il Pacifico centrale e orientale;
  • Quinta Flotta. Schierato nell'Oceano Indiano;
  • Settima flotta. Pacifico occidentale.

Di solito le navi (comprese quelle da combattimento) sono divise approssimativamente equamente tra le flotte del Pacifico e dell'Atlantico, ma ultimamente la flotta del Pacifico (60%) ha ricevuto più unità da combattimento. C'è anche la decima flotta, che si occupa di questioni di guerra informatica e difesa dagli attacchi nello spazio virtuale. Nella sua composizione non ci sono navi e basi.

La US Navy è la più alta autorità delle forze navali dello stato. Si occupa di tutta la gamma di questioni relative alle attività quotidiane, fornitura, mobilitazione e smobilitazione, formazione e equipaggiamento della flotta. Inoltre, il Ministero sviluppa programmi per lo sviluppo della Marina, è impegnato nella riparazione e ammodernamento di navi, armi e strutture costiere. In sostanza, il ministero è il principale organo amministrativo della US Navy.

Le funzioni e la struttura del ministero della US Navy sono rimaste invariate sin dal suo inizio.

Il corpo principale che si occupa del comando diretto (operativo) della flotta americana è il quartier generale della Marina. Il suo capo è il vero comandante della marina statunitense. È lui che è responsabile delle risorse assegnate a lui (materiale e umano). Il capo dello staff delle forze navali è il consigliere del presidente in questioni di uso delle forze navali.

La composizione della sede della Marina comprende diversi dipartimenti, oltre a quattro comandi intermodali e dieci comandi costieri.

Combattere la composizione della US Navy

Oggi, la US Navy è la più numerosa del pianeta. All'inizio del 2013, consisteva di 597 navi di vari tipi e classi:

  • 11 portaerei nucleari;
  • 22 incrociatori;
  • 62 cacciatorpediniere;
  • 17 fregate;
  • 3 corvette;
  • 14 sottomarini nucleari;
  • 58 sottomarini polivalenti;
  • 1 fregata di prima classe;
  • 14 navi da sbarco;
  • 17 portaerei per elicotteri;
  • 12 dragamine.

Per dare un'idea della forza e della molteplicità della US Navy, possiamo citare il seguente fatto. Nel 2009, il dislocamento totale della flotta americana era tredici volte superiore allo sfollamento totale di tutta l'altra Marina, arrivando nella classifica dopo di lui.

Nel 2001 è stato adottato un nuovo programma di sviluppo per la US Navy, Sea Power 21. Secondo questo programma, la struttura della flotta e dei marines nei prossimi decenni sarà notevolmente rafforzata. Il numero di gruppi di sciopero sarà aumentato da 19 a 36. Entro il 2020, la marina statunitense sarà composta da 313 navi da guerra. Le aree prioritarie di questo programma sono:

  • supporto per il numero di gruppi di portaerei a livello di undici unità;
  • aumento del numero di navi della zona costiera;
  • la costruzione di incrociatori e cacciatorpediniere di nuove specie;
  • costruendo navi anfibie di nuove modifiche.

Flotta di sottomarini della marina statunitense

La flotta è responsabile di uno dei componenti della triade nucleare - sottomarini per missili balistici (SSBN). Oggi, la US Navy ha 14 sottomarini classe Ohio, ciascuno con 24 missili Trident-2 con otto testate ciascuno. Sottomarini equamente divisi tra le flotte: il Pacifico e l'Atlantico. Dei quattordici portatori di missili sottomarini, due sono costantemente in manutenzione e dieci sono in allerta.

Secondo l'accordo START-1, altri quattro sottomarini simili sono stati convertiti in missili da crociera Tomahawk. Due sottomarini sono nella Flotta del Pacifico e due sono in servizio con l'Atlantico.

Gli Stati Uniti guidano il numero di sottomarini polivalenti, la Marina degli Stati Uniti li ha nelle sue 53 unità. Il più perfetto di loro è il tipo MPLATRK "Sea Wolfe", ma ci sono solo 3 unità. Il programma di costruzione sottomarino è stato congelato a causa del prezzo estremamente alto di queste navi. Originariamente era previsto di costruire 32 pezzi. Invece di queste navi sono attualmente in costruzione sottomarini di tipo "Virginia". Le loro caratteristiche sono in qualche modo più modeste di quelle del "Sea Wolfe", ma sono anche molto più economiche. Gli americani hanno in programma di costruire fino a quaranta sottomarini della Virginia.

La maggior parte dei sottomarini americani multiuso sono sottomarini di tipo Los Angeles. Sono considerati obsoleti, vengono gradualmente cancellati.

Tutti i MPLATRK americani possono sparare tubi lanciasiluri con missili anti-nave Garpun e missili Tomahawk.

US Navy Carrier Group

Il vero orgoglio e il simbolo del potere della flotta americana sono le portaerei atomiche. Oggi, la US Navy ha 11 portaerei di classe Nimitz. Cinque di loro sono in servizio con la flotta del Pacifico, e sei sono dell'Atlantico. Nel 2013, la portaerei Gerald R. Ford, appartenente a una nuova classe di navi portaerei, è stata introdotta nella flotta del Pacifico.

Questa portaerei ha una centrale elettrica più perfetta, per la sua manutenzione è necessario un equipaggio più piccolo, la catapulta a vapore è sostituita da una elettromagnetica. Rispetto ai suoi predecessori, l'operazione di Ford costerà meno ai contribuenti americani. Si prevede di costruire tre di queste navi.

Alcune altre portaerei sono in conservazione.

I vettori sono il nucleo dei gruppi di attacco del vettore (AUG), che, a loro volta, sono la principale componente di sciopero di ciascuna flotta operativa della Marina statunitense. Una portaerei è sempre in manutenzione programmata.

Su ogni portaerei posta ala. Si compone di diversi squadroni di aerei da caccia da combattimento (da due a quattro), oltre a velivoli DRLO (E-2C), velivoli EW e controllo della situazione del mare. Anche gli elicotteri anti-sottomarini e di attacco sono basati sulla portaerei.

Sulla portaerei, di regola, ci sono da 70 a 80 aerei. La maggior parte di questi velivoli ed elicotteri appartiene alle forze aeree delle rispettive flotte, ma alcuni degli aerei sono subordinati al Corpo dei Marines.

Di regola, quattro AUG sono contemporaneamente in mare: due per ciascuna flotta. Tuttavia, accade anche che c'è solo una tale connessione in mare.

Fino alla metà degli anni '80 del secolo scorso, la maggior parte delle navi della US Navy (cacciatorpediniere, incrociatori, fregate) svolgevano un ruolo di supporto nella protezione della portaerei nell'AUG, ma poi la situazione cambiò leggermente. È stato adottato il sistema di controllo Aegis, che ha notevolmente aumentato il ruolo di combattimento di cacciatorpediniere, incrociatori e fregate. "Aegis" consente di rilevare e distruggere (in aria, a terra e in mare) vari bersagli a lunga distanza. Le navi hanno ricevuto l'installazione di lancio verticale Mk41 (UOP), che ha 32 o 64 celle per ospitare missili anti-aerei ("Standard"), da crociera ("Tomahawk") o anti-sottomarini (Asrok).

Dopodiché, incrociatori e cacciatorpediniere erano in grado non solo di lanciare attacchi missilistici a terra con l'aiuto di Tomahawk, ma anche di fornire copertura (difesa aerea e difesa missilistica) per i gruppi terra e nave. Se prima il principale veicolo da combattimento della US Navy era un aereo da combattimento da portaerei, ora un incrociatore e un cacciatorpediniere possono infliggere un massiccio attacco alla forza nemica.

Attualmente, la US Navy comprende 22 incrociatori di classe Taykonderoga, dodici dei quali sono elencati come parte della flotta del Pacifico, e dieci - dell'Atlantico. Ciascuno di questi incrociatori è equipaggiato con il sistema Aegis e due installazioni del Mk41 con 61 celle missilistiche ciascuna.

Qualche anno fa è stata lanciata la costruzione di nuovi incrociatori CG (X) che, secondo il piano dei comandanti navali americani, dovrebbero sostituire il "Taykonderoga". Tuttavia, non è noto se i finanziamenti saranno assegnati per questo progetto.

La nave principale della flotta di superficie degli Stati Uniti è un cacciatorpediniere del tipo "Arly Burke". Oggi la flotta americana ha 62 navi di questo tipo, l'ultima delle quali è stata messa in servizio nel 2012. 27 cacciatorpediniere fanno parte della flotta atlantica, 35 - Pacifico. Il programma di costruzione di queste navi è tutt'altro che completo, sono previsti solo 75-100 cacciatorpedinieri. Ognuna di queste navi ha il sistema Aegis, il lanciatore Mk41 e può trasportare circa 90 missili. 22 cacciatorpediniere hanno il sistema Aegis in grado di svolgere compiti di difesa missilistica.

È in fase di implementazione un nuovo programma di costruzione di cacciatorpediniere Zumwalt, che ha un aspetto molto futuristico grazie all'uso della tecnologia stealth. "Zumvalty" ha un altissimo livello di combattimento e caratteristiche tecniche, ma questo progetto è molto criticato a causa del suo alto costo. Originariamente era stato pianificato di costruire 32 navi di questo tipo, ma finora ne sono state progettate solo tre.

I cacciatorpediniere "Zumvalt" si differenziano non solo per il loro aspetto, ma prevedono anche l'installazione di nuovi sistemi d'arma che funzionano su principi fisici innovativi, in particolare il railgun, su queste navi. Questo è il motivo per cui i cacciatorpediniere sono equipaggiati con una potente centrale elettrica (per navi di questa classe). Каждый эсминец имеет пусковую установку Мк41 и способен нести до 80 ракет.

Фрегаты в американском флоте представлены кораблями типа "Оливер Перри". Многие эксперты называют этот корабль самым неудачным за послевоенный период. Сейчас в строю 15 таких кораблей, еще 16 находятся в резерве. Эти фрегаты, скорее всего, в ближайшие годы будут выведены из состава флота.

На сегодняшний день корветы являются самыми распространенными боевыми кораблями во всех флотах мира - но только не в американском. Их разработка и строительство началось только в нынешнем столетии. Это корабли, способные эффективно действовать в прибрежной зоне. Сегодня в США реализуются два проекта корветов: "Фридом" и "Индепенденс". Построено два корабля "Фридом" и один "Индепенденс". Американское военное руководство пока не может сделать выбор в пользу одного из них.

Планируется построить 55 кораблей, но скорее всего, и эта программа будет урезана - корабли очень дорого стоят.

В настоящее время Америка располагает самым мощным в мире флотом десантных судов. ВМС США имеет в своем составе несколько видов десантных кораблей. Самыми крупными являются универсальные десантные корабли, еще есть вертолетно-десантные суда и десантные транспорты-доки.

Тральщики ВМС США представлены кораблями типа "Авенджер". Все они базируются на Тихом океане.

Авиация ВМС США

Одной из основных ударных сил американского флота является авиация. Кроме истребительно-штурмовых функций, она выполняет еще и множество других.

Флотская авиация имеет весьма сложную структуру управления и подчинения. Она состоит из двух групп: авиация флота и авиация Корпуса морской пехоты.

Часть самолетов ВМС США находится на базе хранения Дэвис-Монтан.

Основным боевым самолетом американского флота и Корпуса морской пехоты является F/А-18 "Хорнет". Его последние модификации (Е и F) имеют весьма высокие характеристики, это практически новый самолет ("Супер Хорнет"), а машины ранних серий (А, В, С) постепенно переводят в Дэвис-Монтан. Сегодня на вооружении авиации ВМС находится примерно 1 тыс. самолетов F/А-18, еще сотня хранится в Дэвис-Монтане.

Вторым по численности является самолет AV-8 "Харриер". Этот британский самолет производится в США по лицензии, им вооружен Корпус морской пехоты. Американцы несколько модернизировали эту машину, сегодня ВМС США располагают 138 единицами "Харриера".

В дальнейшем "Харриеры" планируют заменить самолетами пятого поколения F-35, но пока эта программа идет с сильным отставанием от намеченного графика. КМП поставлено 27 F-35В, авиации флота - всего шесть F-35C.

Самым современным американским противолодочным самолетом является Р-8А "Посейдон", пока их принято на вооружение 19 единиц. В дальнейшем они полностью заменят легендарные "Орионы". Всего планируется построить 117 "Посейдонов".

Основным самолетом радиоэлектронной борьбы является ЕА-18G. Сегодня на вооружении сотня таких самолетов, их количество увеличится до 117 единиц.

Основным палубным самолетом ДРЛО является Е-2С "Хокай", в наличии имеется 61 подобная машина.

На вооружении ВМС США есть конвертоплан MV-22В "Оспрей", который может садиться на палубу авианосца. Эта машина является своеобразным гибридом самолета и вертолета, она может взлетать вертикально и лететь со скоростью самолета. Сейчас на вооружении находятся 184 конвертоплана.

Также на вооружении флота стоят вертолеты АН-1W/Z "Кобра", несколько сот вертолетов Н-60 "Блэк Хок", более двухсот транспортных вертолетов Н-53, включая 56 вертолетов-тральщиков.

Корпус морской пехоты состоит из четырех дивизий, по две на каждый флот. На вооружении морских пехотинцев числятся 447 танк "Абрамс", более 4 тыс. БМП, 1,5 тыс. орудий, РСЗО, противотанковые комплексы, ЗРК. КМП превосходит по своей мощи большинство современных европейских армий.

Видео о шестом флоте ВМФ США

Guarda il video: Corpi Speciali lultima sfida US Navy Seals vs Spetsnaz Sovietici (Settembre 2019).