A causa delle sanzioni statunitensi, la Russia perde il più grande acquirente di armi

A causa delle sanzioni imposte dagli americani contro le imprese del complesso militare-industriale nazionale, la Russia rischia già di perdere il suo più grande cliente, l'India, nel prossimo futuro. Questo paese ha sospeso i pagamenti con contratti esistenti e si rifiuta di stipularne di nuovi. I soldi hanno smesso di venire nell'aprile di quest'anno. A proposito di questo riporta l'edizione russa di "Vedomosti" con riferimento alle proprie fonti nella guida del complesso militare-industriale.

La ragione principale di questa situazione è che i giornalisti hanno definito le sanzioni statunitensi, ovvero il pacchetto di sanzioni CAATSA (che contrasta con l'American's Adversaries Through Sanctions Act), firmato da Donald Trump nell'agosto 2017. E stiamo parlando della sospensione dei pagamenti per gli ordini più grandi, compresi i nuovi combattenti per l'Indian Air Force ei sistemi di difesa aerea S-400.

È una sanzione?

Per quasi un decennio, dal 2007 al 2015, l'India è stata il cliente più significativo per l'intera industria della difesa. Tra le operazioni più conosciute ci sono l'acquisto da parte degli indiani dell'aeromobile che trasportava gli aerei Admiral Gorshkov, l'aereo da combattimento Su-30MKI e i sottomarini. La Russia, insieme all'India, ha sviluppato missili anti-nave e il combattente di quinta generazione Su-57. Sembra che questi tempi "grassi" siano nel passato, e il nostro complesso militare-industriale perde un cliente molto promettente. Dal 2012, non è stato concluso un nuovo accordo e tutti i tentativi di cambiare tale "status quo" non hanno ancora portato al successo.

All'inizio di quest'anno sono apparse informazioni sull'arresto dei negoziati sul contratto S-400, concordati personalmente da Putin e dal Primo Ministro Narendra Modi nel 2016. Le parti contraenti non hanno concordato il prezzo e le condizioni di consegna. Rosoboronprom ha richiesto $ 5,5 miliardi e si è rifiutato di trasferire parte delle tecnologie del complesso a Delhi.

Pochi mesi dopo, l'India ha annunciato il suo ritiro da un progetto comune per creare un combattente Su-57. Inoltre, i militari indiani hanno affermato che i parametri tecnici dell'aeromobile non corrispondono alla quinta generazione. Invece, sono stati acquistati combattenti Rafale francesi, così come l'ultimo sistema di difesa americano, NASAMS-2. Molti esperti ritengono che sia stato il ritiro dell'India dal progetto Su-57 che ha portato al recente rifiuto del Ministero della Difesa russo dai massicci acquisti di questo veicolo da combattimento.

In precedenza è stato riferito che la marina indiana si è rifiutata di utilizzare il MiG-29K, consegnato nel periodo dal 2004 al 2010. Il motivo è la qualità insoddisfacente di questi aerei. Secondo l'esercito indiano, ogni atterraggio di questi combattenti sul ponte "sembra un incidente aereo". "Dopo ogni atterraggio, i componenti dell'aeromobile si rompono o smettono di funzionare e dobbiamo inviare il combattente in officina per riparare o sostituire parti che spesso devono essere importate dalla Russia", ha detto l'ex ministro degli Interni in pensione a Defense News. "La verità è che la Marina indiana in realtà ha finanziato lo sviluppo di questo velivolo: se i russi avessero almeno una certa coscienza, avrebbero garantito che ogni mancanza sarebbe stata eliminata senza ulteriori pagamenti", ha aggiunto.

È chiaro che l'introduzione delle sanzioni occidentali ha solo peggiorato la già difficile situazione. Dopo che le compagnie russe sono state tagliate fuori dagli insediamenti in dollari, le istituzioni finanziarie indiane hanno iniziato a bloccare le rimesse. I motivi sono molto semplici: le banche stesse hanno paura di "cadere sotto la distribuzione", che viene fornita anche nella stessa CAATSA.

Rosoboronexport sta pensando di passare ad altre valute - rubli, rupie indiane, dirham - ha detto il direttore generale della compagnia, Alexander Mikheev.

Allo stesso tempo, i concorrenti non dormono. Nel 2015 gli americani hanno firmato un contratto con l'India per l'acquisto di 22 elicotteri d'attacco AH-64E Apache, e recentemente Delhi ha ricevuto lo status di partner prioritario nel commercio di beni strategici da Washington. Ciò faciliterà enormemente i futuri accordi di difesa.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...