Yatagan: una leggenda nata sul campo di battaglia

Lo yatagan turco è considerato il tipo leggendario di armi militari fredde, che personifica il potere dell'esercito ottomano. Persino l'apparizione sul campo di battaglia delle armi da fuoco non ha reso questo tipo di coltelli meno importante. I giannizzeri turchi, che padroneggiavano perfettamente la lama d'acciaio, terrorizzavano la fanteria in difesa del nemico.

Scimitarra di nascita

Yatagan: arma universale

Dall'era delle crociate, c'è stato un continuo sviluppo di braccia fredde. La miscela di cultura orientale ed europea ha lasciato un'impronta sulla tecnologia della produzione di armi, sul suo aspetto e, di conseguenza, sulla tecnica del possesso. Se in Europa per lungo tempo una spada lunga e pesante ha messo radici, allora a est l'arma principale della guerra era la sciabola. La ragione principale di questa separazione era l'equipaggiamento tecnico dei soldati. Gli eserciti europei facevano affidamento sul potenziamento delle difese guerriere. La fanteria e specialmente la cavalleria erano incatenati in armatura d'acciaio. Per colpire un guerriero vestito di armatura, erano necessarie armi pesanti, contemporaneamente taglienti e penetranti.

Nell'est, la cavalleria ha prevalso nell'esercito. I cavalieri erano vestiti con la cotta di maglia e l'armatura di cuoio. La fanteria era irregolare e non portava armi protettive. L'arma principale della guerra doveva essere leggera ed efficace. Saber era a questo riguardo l'opzione migliore, permettendoti di fornire tagli potenti e potenti. L'unico inconveniente di un'arma del genere era l'insufficiente resistenza della lama e l'incapacità di fornire la spinta. Nonostante tali differenze significative, la sciabola e la spada rimasero a lungo avversari sul campo di battaglia. Fu solo con il fiorire del potere dell'Impero Ottomano che iniziò la trasformazione delle braccia fredde, tenendo conto dell'esperienza nell'uso del combattimento e nelle tattiche di combattimento. Inizia ad apparire tipi universali di braccia fredde, che hanno assorbito tutte le migliori qualità della spada e delle spade. I turchi furono i primi a prestare attenzione al fatto che, come risultato della combinazione di varie proprietà e qualità, si può ottenere un'arma universale. L'esercito turco entrò nella scimitarra a forma di spada curva, armi fredde di un tipo completamente nuovo.

scimitarra

Risultò qualcosa tra una spada corta e una sciabola curva. L'arma ha permesso di applicare colpi taglienti, taglienti e pugnalanti. A differenza della sciabola, la lama aveva una doppia forma curva, ma la punta e l'elsa della scimitarra erano in una linea. La scimitarra era bilanciata in modo tale che il centro di gravità si trovasse più vicino all'impugnatura. Questa qualità ha migliorato significativamente la posizione stabile dell'arma nella mano, fornendo la presa più comoda. La lama a doppio taglio forniva la capacità di combattere in qualsiasi condizione e permetteva al nemico di infliggere ferite profonde. Il taglio potrebbe essere inflitto dalla parte superiore della lama, l'effetto di taglio è stato ottenuto dalla parte inferiore della lama.

Per garantire il massimo effetto della lama durante il combattimento, mancava la scimitarra dalla scimitarra. Questo dispositivo, svolgendo una funzione protettiva, spesso portava l'arma aggrappata ai vestiti e all'armatura del nemico. I turchi si sono sbarazzati di questo dispositivo fornendo al guerriero un campo di manovra più ampio. Il principale metodo di possesso dell'arma è il movimento della spalla e del polso. Un forte colpo, completato da un leggero movimento del pennello, colpì il nemico allo stesso tempo con una ferita tagliente e profonda. La scimitarra nelle abili mani del guerriero divenne un'arma micidiale, senza lasciare alcuna possibilità al nemico meno esperto e vulnerabile.

La maniglia dell'arma aveva dispositivi speciali: le orecchie, che tenevano saldamente la mano del guerriero, a seconda dell'impugnatura scelta. La forma del manico semplificava il modo di possedere la scimitarra, permettendo durante il duello di cambiare facilmente la stiva. A seconda dello stato sociale del guerriero, la maniglia potrebbe essere di osso, metallo o decorata con speciali lastre decorative.

Tipi di scimitarra

Oggi puoi vedere nei musei del mondo la scimitarra, indossata in precedenza dalla nobiltà turca. C'erano spesso pietre preziose sul manico e la lama stessa era decorata con intagli in oro o argento. Per motivi di sicurezza, le armi venivano indossate in una guaina di legno. Il rivestimento di guaine di cuoio o di metallo era considerato un elemento di un abito militare, quindi il loro aspetto attribuiva un'importanza particolare. Indossando una scimitarra, chiudendo la fascia davanti, così l'arma potrebbe essere facilmente raggiunta con la mano destra e sinistra.

La lunghezza dell'arma, che era stata adottata dall'esercito turco, variava da 65 a 95 cm. La lama stessa era da mezzo metro a 75 cm. La spada era pesata solo 800 g.

Applicazione in combattimento e tecnica di combattimento

Yatagan era usato principalmente nel corpo dei giannizzeri, che era una forza speciale dell'esercito ottomano. L'apparizione dei giannizzeri non era casuale. La principale forza di combattimento dell'esercito turco era la cavalleria, regolare e irregolare, ma i combattimenti nell'Europa orientale, dove i turchi dovevano affrontare una difesa ben organizzata, l'azione di una cavalleria non era abbastanza. Le unità di fanteria irregolari non avevano le capacità tecniche per attaccare con successo fortezze e fortificazioni. Richiedeva un tipo di fanteria completamente nuovo, che ha grandi capacità tecniche e tattiche. Verso la metà del XIV secolo, durante il regno di Sultan Orhad nell'impero ottomano, fu creato un corpo di giannizzeri - una fanteria appositamente addestrata.

giannizzeri

I giannizzeri, insieme alla pesante cavalleria turca, costituivano la principale forza combattente dell'esercito del Sultano, che da allora è diventato uno dei più forti del mondo. Avendo ricevuto per servizio invece di cipolla un tufeng - l'equivalente turco di un moschetto, i giannizzeri divennero moschettieri turchi. A differenza dei tiratori europei, che potrebbero sempre ritirarsi sotto la protezione delle unità di fanteria. I turchi non avevano questa opportunità, i giannizzeri turchi dopo che la salva aveva dovuto continuare autonomamente il combattimento con armi fredde. La composizione delle unità di fanteria dell'esercito turco si rifletteva in tattica. I giannizzeri turchi si lanciavano nei settori più importanti della battaglia, dove era necessario rompere la resistenza del nemico e superare la sua stretta difesa. Dopo le prime raffiche i Turchi entrarono in una battaglia serrata, seminando il panico, la morte e l'orrore nelle file del nemico. La sciabola ha dimostrato di essere in condizioni tali più efficaci della spada. Le armi da hacker e perforanti permettevano ai guerrieri di operare con successo in mischia. Oltre alla sciabola, i giannizzeri ricevettero una scimitarra, che divenne un'altra pratica arma da mischia.

Spada moschettiere

I turchi possedevano in modo eccellente una sciabola e un yatagan e in mischia erano sostanzialmente superiori ai combattimenti nemici nelle file. Rispetto ai moschettieri e ai lancieri, i giannizzeri avevano un vantaggio innegabile.

L'arte di possedere questo yatagan era basata sulla possibilità di un costante cambiamento di aderenza. Nelle arti marziali, i turchi usavano spesso impugnatura inversa, ma durante l'incontro potevano facilmente andare in presa diretta, colpendo il nemico in avvicinamento. Senza una guardia, una scimitarra ha permesso di usare l'intera lunghezza della lama per proteggerla durante i colpi laterali. Il colpo fu riflesso dalla lama, abbassò la punta. Per attaccare con una presa diretta, sono stati fatti colpi taglienti e scorrevoli, dal basso verso l'alto, colpendo i fianchi, l'addome e la zona del collo.

Armi giannizzero

I turchi hanno inventato la loro tecnica specifica per il corpo a corpo, usando scimitarre per questo scopo. Una lama in acciaio leggero perfetta per le pennellate di nascosto. Un tale colpo era efficace contro un avversario senza protezione o equipaggiato con un'armatura di cuoio morbida. I pesanti colpi a testa in giù con una conseguente spazzata tagliavano l'armatura del nemico in briciole e il corpo umano riceveva ferite mortali e profonde.

Il guerriero turco, equipaggiato con una sciabola e un yatagan, agì in modo molto più efficace del suo avversario, armato di spada e daga.

La geografia della diffusione delle armi

Il Corpo dei giannizzeri era un'unità di élite dell'esercito turco, ma non l'unica unità armata con una scimitarra. Le armi si sono diffuse ampiamente in tutto il Medio Oriente e in Egitto. Insieme ai turchi, queste armi furono utilizzate attivamente nei Balcani e nel Caucaso. A Yatagan piacevano le milizie locali irregolari.

Sparare con la scimitarra

I turchi, che riuscirono a conquistare quasi tutta l'Asia Minore all'inizio del XV secolo, introdussero le loro tattiche, le loro tradizioni militari e le loro attrezzature all'arte della guerra. Negli eserciti dei governanti di Tunisia, Algeria ed Egitto, c'erano unità speciali che servivano da truppe d'assalto. Formati nella maggior parte dei casi da mercenari, tali unità erano caratterizzate da eccessivo coraggio e crudeltà. Guerrieri del Bashibuzuk armati di scimitaristi terrorizzati europei, che spesso divennero vittime di un attacco improvviso da parte di queste unità.

Lo yatagan turco è ben noto ai soldati russi che erano stati in guerra con la Porta Brillante per lungo tempo. Di fronte a pazzi basibuzuki, la scimitarra armata e le truppe di Napoleone avevano. Durante la campagna egiziana, il suo esercito ha sofferto maggiormente degli attacchi improvvisi delle unità irregolari delle truppe egiziane.

Guarda il video: The Ottoman and Balkan yataghan swordknife (Novembre 2019).

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...