I soldati della Guardia Nazionale guidarono la rivolta in Venezuela

In Venezuela, un tentativo di colpo di stato militare è stato sventato. Il gruppo ribelle ha già deposto le armi e si è arreso alle autorità. I rappresentanti delle autorità locali hanno promesso che tutti coloro che hanno disonorato le loro armi partecipando a una ribellione sarebbero stati puniti nella massima misura dalle leggi del paese.

Il presidente dell'assemblea costituzionale della repubblica, Diosadio Cabello Rondon, ha detto che le unità dell'esercito hanno costretto un gruppo di militari della Guardia Nazionale, che, avendo le braccia in mano, spera di causare disordini tra la popolazione del paese.

"Immediatamente, non appena fu notato il discorso delle guardie ribelli, abbiamo fatto un contrattacco per neutralizzare l'attività dei traditori", ha detto Rondon.

Cronaca degli eventi

21 gennaio, un gruppo di guardie nazionali ha sequestrato armi. Per qualche tempo furono circondati da forze speciali. L'anello intorno ai ribelli si chiuse nell'area di San José de Cotis, in seguito alle azioni delle forze speciali, i golpisti deposero le armi e si arresero alle autorità.

Secondo Reuters, poco prima del colpo di stato, un video è stato distribuito su Internet, in cui un uomo sotto forma di guardia nazionale ha chiesto il rovesciamento dell'attuale presidente Maduro e il ripristino dell'ordine legale.

Dopo la fine dell'operazione speciale, l'arma rubata è stata restituita al sito di stoccaggio. I rivoltosi sono detenuti e confessano i servizi speciali e le forze dell'ordine.

Il ministero della Difesa del Venezuela ha osservato che tutti coloro che hanno preso parte a un discorso contro il sistema esistente sarebbero stati severamente puniti nel pieno rispetto della legislazione vigente.

Le azioni dei golpisti sono riconosciute come contrarie alle regole di base della disciplina militare. Il ministero della Difesa ha assicurato che l'esercito non sostiene le azioni delle forze di estrema destra e rimane fedele alla legislazione del paese.

Il 15 gennaio, l'Assemblea nazionale del Venezuela, la maggior parte costituita da deputati di opposizione, ha accusato il presidente in carica di prendere il potere nello stato. Un po 'prima, il Segretario di Stato americano, Mark Pompeo, fece una dichiarazione simile.

Le elezioni presidenziali in Venezuela si sono svolte nel maggio 2018. Il Comitato elettorale centrale del Venezuela ha riconosciuto la vittoria di Maduro, ma l'opposizione non ha riconosciuto i risultati delle votazioni. Non hanno riconosciuto gli Stati Uniti e alcuni altri paesi.

Guarda il video: Milano - Il Comandante Generale della . passa in rivista reparti speciali in partenza per la (Gennaio 2020).