Nuova corsa agli armamenti: le potenze spaziali operano al di fuori delle regole

Gli Stati Uniti, la Russia e la Cina continuano la corsa agli armamenti spaziali, ma i paesi non mostrano interesse nel creare un trattato che regoli il comportamento dei poteri con le capacità spaziali.

La corsa spaziale della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica fu lanciata nel 1957, quando nell'ottobre di quest'anno i sovietici lanciarono il primo satellite artificiale della Terra. Nel nostro secolo, ci sono tre concorrenti per "prendere altezza" nello spazio: la Cina ha aderito. Ora i paesi sono focalizzati sulla messa a punto della funzionalità e delle capacità di combattimento delle armi anti-satellite.

Alla fine dei lontani anni Cinquanta del Novecento, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica si contesero pacificamente nello sviluppo di programmi spaziali. Nonostante il fatto che non ci sia stato un conflitto aperto, i paesi hanno avviato un intensivo spionaggio bilaterale. C'era una schietta rivalità tra i poteri, che era ampiamente pubblicizzata tra i cittadini degli stati e tra i leader di altri paesi.

La situazione fu modificata da un test nucleare atmosferico condotto dagli Stati Uniti nel 1962 nell'Oceano Pacifico, che eliminò numerosi satelliti artificiali. John Kennedy, il presidente degli Stati Uniti in quel momento, collaborò con l'Unione Sovietica per creare una risoluzione della Dichiarazione delle Nazioni Unite (risoluzione 1962 XVIII). Fu il primo documento che regolava le attività degli stati nell'esplorazione e nell'uso dello spazio. Presto, in connessione con la crisi dei Caraibi, fu introdotta una nuova regola: un accordo per vietare i test nell'atmosfera. E nel 1967 Brezhnev e Johnson firmarono un accordo sullo spazio.

La corsa agli armamenti spaziali iniziò con una nuova forza negli anni '70, quando l'URSS e gli Stati Uniti condussero attivamente test di armi anti-satellite. Alla fine degli anni '70, i paesi iniziarono i negoziati sulla limitazione degli armamenti strategici nel quadro dei programmi di armi anti-satellite, ma poi i superpoteri non riuscirono nemmeno a concordare la definizione di "armi spaziali". E nel 1983, sotto Ronald Reagan, gli Stati Uniti lanciarono la Strategic Defence Initiative. Ma nel 1987 si tenne l'incontro sovietico-americano, in cui i leader dei paesi Gorbaciov e Reagan fecero un accordo sull'eliminazione dei missili a medio e corto raggio. La corsa alla fine si estinse con il crollo dell'URSS.

Il round della rivalità spaziale del 21 ° secolo è iniziato nel 2001. Gli Stati Uniti si sono ritirati dal trattato ABM, che, secondo il parere della loro amministrazione, è obsoleto, poiché le tecnologie descritte nel trattato sono diventate ampiamente disponibili. All'inizio degli anni '10 del XII secolo, le principali potenze spaziali: Stati Uniti, Russia e Cina - rafforzarono il sostegno statale alle attività spaziali. La suddetta Cina nel 2007 ha condotto test di armi anti-satellite sul territorio del suo paese. Il sistema ASAT dimostrato consente di colpire obiettivi che si trovano nell'orbita del nostro pianeta da terra.

Negli ultimi 10 anni, i risultati spaziali sono andati oltre: gli Stati Uniti e la Russia stanno ora utilizzando una versione mini dello space shuttle, che è controllato a distanza e non prevede un pilota. Un simile drone, che converge con satelliti artificiali a bassa velocità, può cambiare la propria orbita.

A causa dello sviluppo intermittente del settore, nonostante le relazioni pacifiche ed estremamente strette nel settore finanziario tra Cina, Russia e Stati Uniti, la corsa allo spazio potrebbe portare a conflitti tra paesi. Nonostante l'attuale Dichiarazione delle Nazioni Unite che regola i comportamenti nello spazio e il sostegno da parte della Russia e della Cina di un trattato sulla prevenzione della militarizzazione dello spazio, ci sono ancora molte differenze, a cominciare dal concetto di "armi spaziali".

La maggior parte della tecnologia spaziale necessaria allo stato moderno e utilizzata ora in direzioni pacifiche può essere utilizzata anche per scopi militari.

Pertanto, è importante non concordare sull'assenza di determinate tecnologie da paesi diversi, ma per formare un pool di regole di condotta nello spazio.

Oggi, i documenti internazionali limitano il posizionamento di armi nello spazio, ma non influenzano lo sviluppo di programmi a terra come ASAT. L'analista Henry Stimson ha avviato un documento di regolamento sulla politica spaziale, e in seguito l'Unione europea ha sviluppato una propria versione del regolamento, che potrebbe diventare la base per gli emendamenti alla dichiarazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, molti paesi in via di sviluppo, come pure la Russia e la Cina, si oppongono a una serie di proposte descritte. I poteri sono favorevoli a limitare l'effetto del codice di condotta nello spazio nel campo civile e commerciale. Ma i programmi spaziali militari sono la ragione principale alla base della creazione di tali codici. E tutti i nuovi giocatori stanno entrando nell'arena della corsa allo spazio. Le nuove tecnologie stanno diventando disponibili per un numero sempre maggiore di paesi, e alcuni di loro non sono impegnati nell'uso pacifico del loro potenziale spaziale.

Una nuova risoluzione ONU può regolare il comportamento degli stati nello spazio, che terrà conto di tutte le caratteristiche del nuovo tempo, del ritmo dello sviluppo tecnologico e dell'aspetto politico. E i superpoteri dovrebbero mostrare più fiducia e più responsabilità per il comportamento nello spazio.

Guarda il video: PTV News - - Il Trattato Inf cessa di esistere, riparte la corsa agli armamenti (Giugno 2019).