Presidenti del Brasile e la lotta per l'indipendenza

Il forte potere presidenziale è uno degli attributi essenziali della struttura politica dei paesi latinoamericani. Praticamente tutti i paesi che parlano lingue romanze, dall'indipendenza dalle metropoli, hanno una forma di governo repubblicana, in cui l'istituzione presidenziale svolge un ruolo importante nella politica pubblica. E sebbene il Brasile sia parlato in portoghese, anche il sistema politico di governo nel paese è costruito sullo stesso modello. Il Presidente del Brasile, i cui poteri sono definiti dalla Costituzione del paese, ha un forte potere reale ed è in stretta collaborazione con il parlamento e il governo.

Contorni del territorio del Brasile e la bandiera nazionale

L'attuale modello di governo in Brasile esiste da poco più di cento anni, tuttavia, durante questo periodo, 46 ​​presidenti sono cambiati nel paese, ognuno dei quali, in un modo o nell'altro, ha contribuito alla storia politica dello stato.

Il Brasile sulla strada dell'indipendenza

Nei tumultuosi eventi del XIX secolo, i cambiamenti epocali colpivano non solo il Vecchio Mondo. Oltre l'oceano nell'emisfero australe non c'erano cose meno drammatiche. Sotto l'influenza di tendenze geopolitiche su larga scala che hanno travolto la mappa politica del mondo, i confini degli imperi coloniali si sono incrinati. La Spagna e il Portogallo non potevano più tenere sotto controllo le loro colonie, dove appariva la loro élite, assumevano la propria forma di società civile e formazione politica. In primo luogo, il sistema spagnolo di dominio coloniale si è rotto alle giunture. Poco dopo, il Brasile ha reciso il cordone ombelicale con il Portogallo, intraprendendo la strada dello sviluppo economico e politico indipendente.

Brasile, 1822 - ottenendo lo status di un impero

Oggi il Brasile è il più grande stato del Sud America e un attore di primo piano nella mappa politica del mondo dell'America Latina. Nel XIX secolo, la situazione era completamente diversa. Nel 1807, quando quasi tutta l'Europa occidentale fu controllata da Napoleone, arrivò il turno del Portogallo. La corte reale, in considerazione del pericolo dell'occupazione del paese da parte delle truppe francesi, fu decisa a trasferirsi oltremare a Rio de Janeiro. Così, a un certo punto il Brasile divenne il principale centro amministrativo e politico del regno portoghese. Dal 1815, l'ex colonia portoghese ha ottenuto lo status di decreto reale del Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve, e nella più grande città del paese, Rio de Janeiro, sono concentrate le principali istituzioni statali del vasto regno. Questa situazione persiste fino al 1821, dopo di che il re del Portogallo, João VI, trasferì nuovamente la sua corte in Portogallo. In Brasile, il potere reale passa nelle mani del viceré, che è il principe ereditario del re Juan VI Pedro.

Un tentativo da parte della metropoli di sciogliere il regno del Brasile e di ritornare di nuovo in queste terre lo stato coloniale provinciale, si è scontrato con l'opposizione del viceré Pedro. Sostenuto dall'élite locale e dai ricchi coltivatori, il viceré Pedro, il 1º settembre 1822, proclamò l'indipendenza del Brasile e un mese dopo divenne l'imperatore del Brasile.

Il primo imperatore del Brasile Pedro I (12 ottobre 1822 - 7 aprile 1931)

Il primo imperatore del Brasile, Pedro I, divenne una persona simbolica per il paese. Durante il suo governo (1822-1831), il paese iniziò ad acquisire le caratteristiche di uno stato indipendente, sovrano e indipendente. Invece della ex colonia, un grande stato ricco di risorse naturali appare con una società civile coesa e forte politicamente attiva sulla mappa politica del mondo. Ciò è evidenziato dalla Costituzione brasiliana, adottata nel 1824, che a suo tempo era un modello della legge civile.

Nel 1826, l'imperatore del Brasile Pedro I divenne il re del Portogallo, concentrando nelle sue mani tutto il potere in entrambe le parti principali dell'Impero brasiliano. Il desiderio di Pedro di tenere due troni allo stesso tempo ha giocato uno scherzo crudele con l'Imperatore del Brasile. Come risultato di difficili mosse politiche, Pedro perse la corona portoghese nel 1828, e tre anni dopo, nel 1831, fu costretto ad abdicare al trono brasiliano in favore del suo giovane figlio Pedro. Dal 1831 al 1840, il Brasile era sotto l'amministrazione del Consiglio Reggenza, che era rappresentato da grandi personaggi e politici locali. Durante questo periodo, i portoghesi vengono espulsi dall'apparato statale e i rappresentanti dell'establishment locale prendono il loro posto. Nel 1840, il trono brasiliano, con tutti i poteri necessari, passò al figlio maturato del primo imperatore del Brasile, Pedro, che ricevette la corona insieme al nome Pedro II. Con l'avvento di Pedro II al trono imperiale, inizia l'era d'oro dell'impero brasiliano, che si estende per cinquanta anni.

Secondo imperatore del Brasile Pedro II (7 aprile 1831 - 15 novembre 1890)

Durante il regno del secondo imperatore Pedro II, il paese riuscì a mantenere intatto il suo territorio e unì tutte le unità amministrative di un enorme stato sotto un dominio forte. Il Brasile riceve un apparato statale ben sviluppato e un sistema stabile di amministrazione e amministrazione pubblica. Nel 1888, il paese finalmente si sbarazza del lavoro degli schiavi, mettendo fuori legge questa istituzione civile coloniale. Sullo sfondo di una turbolenta situazione sociale e politica che ha inghiottito la maggior parte dei paesi del Sud America, il Brasile è rimasto un'isola di calma e stabilità politica. Questa situazione favorì lo sviluppo dell'economia del paese, che fu in larga misura promossa dall'aumento del flusso di immigrati dai paesi europei.

Essendo in una tale situazione sociale e politica, il Brasile si avvicinò gradualmente al suo prossimo stadio politico di sviluppo: il passaggio dalla monarchia alla forma di governo repubblicana.

La prima repubblica e i primi presidenti del paese

L'ultimo imperatore del Brasile era al potere dal 1831 al 1890. Durante questo periodo, Pedro II fece molto per il paese, essendo riuscito non solo a rafforzare l'autorità del monarca, ma anche a preservare la sua influenza su tutte le principali istituzioni del potere statale dell'impero. Durante il regno di questo monarca in Brasile, furono sostituiti trenta governi e i primi ministri divennero 23 persone che rappresentavano i partiti liberali e conservatori - le due forze politiche più influenti del paese.

Brasile fine del XIX secolo. Piantagioni di zucchero - il principale reddito dell'economia

Nonostante una situazione socio-politica interna abbastanza stabile, il Brasile ha sempre più sentito l'influenza dei processi politici che spingono il paese verso un cambio di regime politico. Nel paese c'è stato un pregiudizio per il rafforzamento del potere a livello regionale. I piantatori e proprietari terrieri locali hanno chiesto al governo centrale di fornire loro ampi poteri, la capacità di influenzare la formazione del sistema statale di governance del paese. L'industria in rapido sviluppo ha contribuito all'emergere di una serie di grandi monopoli industriali e finanziari, che hanno anche espresso sostegno all'idea di transizione verso nuovi principi di governo. Tuttavia, a differenza dei suoi vicini, dove il cambiamento dei regimi politici è stato accompagnato da un movimento rivoluzionario su larga scala, il Brasile è passato piuttosto facilmente e senza spargimento di sangue sul gradino successivo, diventando una Repubblica.

Nella situazione che è sorto, l'imperatore Pedro II ha cercato di trovare una via d'uscita da questa situazione, ma i suoi tentativi non sono stati coronati da successo. Praticamente tutti i gruppi oligarchici e gruppi industriali-finanziari, in una compagnia con rappresentanti del clero, mostrarono il desiderio di cambiare il regime monarchico in una forma di governo repubblicana.

La crisi del governo del 1888-1889, che ha scatenato l'esercito, ha aggiunto benzina al fuoco. I militari, guidati dal generale Fonseca, erano inclini a pensare alla necessità di un colpo di stato armato nel paese. Dopo corte manifestazioni e scontri armati nella capitale del paese, il 15 novembre 1889, l'imperatore Pedro II fu costretto ad abdicare al trono. Dopo che l'ex imperatore lasciò il paese, il Brasile fu dichiarato una repubblica.

Proclamazione della Repubblica del Brasile, 1889

Nei due anni successivi, il paese fu governato dal governo provvisorio, guidato dal maresciallo Theodor da Fonseca. Cercando di dare legittimità al suo regime, ha avviato lo sviluppo di una nuova Costituzione del Paese. Questo periodo nella storia del Brasile è chiamato Repubblica Sabre, durante il quale tutti i fili del governo erano nelle mani dei militari.

In Brasile, il governo federale sta sostituendo il sistema di controllo provinciale. Le ex province stanno diventando degli stati, e al posto di una monarchia costituzionale, è emerso un verticale presidenziale al posto del governo centrale. La posizione è stata introdotta dall'adozione della nuova Costituzione del paese, nel 1891. Da questo punto in poi, lo stato ufficiale del Presidente del Brasile è ascoltato nella seguente interpretazione: il Presidente della Repubblica Federativa del Brasile. In conformità con la nuova Legge fondamentale, il Presidente diventa non solo il capo di stato e il comandante supremo delle forze armate della repubblica, ma guida anche il potere esecutivo nel paese. Il nuovo periodo storico in cui il paese mise piede è comunemente chiamato Vecchia Repubblica, che durò fino al 1930.

Come in altre situazioni simili, la persona che ha guidato il colpo di stato diventa il capo dello stato. Il primo presidente della Repubblica Brasiliana fu il maresciallo Theodorou da Fonseca, eletto al Congresso il 26 febbraio 1891.

Immagine del primo presidente del Brasile su una banconota da 500 cruzeiro

Va notato che in Brasile la nuova Costituzione e gli enti governativi sono stati copiati dal modello americano. L'unica differenza che esisteva nelle prime fasi del funzionamento dell'istituzione presidenziale era che solo i ricchi candidati potevano candidarsi alla presidenza. Geograficamente, la cerchia dei candidati alla presidenza era limitata a due stati: Minas Gerais e São Paulo.

Il regno del primo presidente della Repubblica Brasiliana fu di breve durata. Non avendo uno specifico programma di sviluppo statale, Fonseca cercò di conquistare tutti i poteri di governare il paese, mettendo effettivamente il Congresso brasiliano sul fatto dell'emergere della dittatura. Il tentativo del parlamento di avviare l'impeachment si è concluso con la dissoluzione del Congresso, ma la minaccia di una guerra civile è stata posta all'opposizione del Parlamento della Repubblica al Presidente. A causa della difficile situazione politica, Theodore da Fonseca fu costretto a dimettersi, trasferendo i suoi poteri al Vice Presidente Florian Peixoto, il prossimo Presidente della Repubblica (regnò dal 1891 al 1894).

Florian Peishot divenne l'ultimo capo di stato che rappresentò il partito militare. Nel 1894 fu sostituito dal Prudente José de Morais Barrus, il rappresentante del Partito Repubblicano. Con l'avvento al potere dei civili, inizia un periodo relativamente calmo della Vecchia Repubblica, che durò fino al 1930.

Washington Luis Pereira de Soza e Julio Prestis de Albuquerque - gli ultimi due presidenti della Repubblica Vecchia (1930)

Presidenti del Brasile nel 20 ° secolo

Nel 20 ° secolo, la storia politica del Brasile è ricca di eventi drammatici. Per avere un'idea di come è avvenuto lo sviluppo del sistema politico statale, è sufficiente dividere il XX secolo nelle seguenti fasi:

  1. il periodo della Vecchia Repubblica - 1889-1930;
  2. Era Vargas -1930-1945;
  3. il periodo della Seconda Repubblica Brasiliana -1945-1964;
  4. il periodo della dittatura militare, il dominio della giunta militare - 1964-1985;
  5. il periodo della nuova Repubblica Brasiliana iniziò nel 1985 e continua fino ad oggi.

Durante l'esistenza della prima Repubblica Vecchia, la presidenza del paese era detenuta da 15 persone. Oltre ai primi due presidenti, Fonseca e Peixot, tutti i successivi capi di stato erano rappresentanti del Partito repubblicano dei due principali stati del paese, Sao Paulo e Minas Gerais.

Il presidente Washington Louis Pereira de Soza ha ricoperto la carica dal 1926 al 1930, ma è stato rovesciato a seguito di un colpo di stato militare e non ha potuto terminare fino alla fine del suo mandato. Il suo successore sarebbe stato Julio Prestis de Albuquerque, ma non è riuscito a prendere la presidenza a causa della difficile situazione politico-militare nel paese.

In questo periodo, la Vecchia Repubblica finisce e arriva il periodo di quindici anni della regola di Getulio Vargas, che salì al potere a seguito di una crisi del governo su larga scala. Fino al 1934, Vargas prestò servizio come presidente ad interim del paese. Solo nel 1934, dopo l'adozione della nuova Legge fondamentale, Getulio Vargas legittimò i suoi poteri presidenziali, intraprendendo la strada della creazione di un regime dittatoriale fascista. L'era di Vargas durò fino al 1945, quando, insieme al crollo della Germania nazista, gli altri regimi politici filo-tedeschi che esistevano in quel momento finirono.

Eurik Gaspar Dutra - il primo presidente della Seconda Repubblica

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, il Brasile stabilì il regime politico della Seconda Repubblica, che, nonostante la sua instabilità, riuscì a resistere per quasi 20 anni, fino al 1964. Un altro colpo di stato militare rovesciò il regime di Vargas, e l'esercito, guidato dal generale Euricus Gaspar Dutra, che deteneva il più alto incarico statale fino al 1951, salì al potere. Nonostante la reazione politica interna negativa della società civile, Getulio Vargas divenne nuovamente presidente del Brasile nel 1951. Le riforme politiche e sociali intraprese da Vargas hanno fallito. Il paese era sull'orlo di un'esplosione sociale e sociale e del collasso economico. In totale, la Seconda Repubblica conosceva 9 presidenti, ognuno dei quali cercò di contribuire allo sviluppo dello stato. Dopo il suicidio di Getulio Vargas, il paese entra nella zona di stabilizzazione, che si conclude nel 1964 con un colpo di stato militare. Dal 1955, la Legge fondamentale è stata modificata, consentendo al capo di stato di rimanere in carica per due mandati consecutivi.

Per i successivi diciannove anni, fino al 1985, il Brasile fu governato da una giunta militare, che nominò i suoi leader nelle varie fasi della presidenza. Per 19 anni, il Brasile è stato governato da nove presidenti, che rappresentano in primo luogo un partito militare, e al termine di un sipario, Alliance of National Revival.

Il colpo di stato militare del 1964 - l'inizio della giunta militare in Brasile

Brasile moderno e nuovi presidenti

Il periodo del dominio militare mise il Brasile sull'orlo dell'isolamento della politica estera. L'esercito, giunto al potere nel 1964, non ha potuto modernizzare l'economia del paese. Il programma di perequazione sociale e sociale della società civile è fallito. Nell'arena straniera, il Brasile perse il suo status di potenza dominante del Sud America, lasciando il posto all'Argentina.

Essendo in questa posizione, il partito al governo Alliance of the National Revival ha preso un corso su una transizione graduale al dominio civile. Nelle prime elezioni democratiche, ha vinto Tancred Nevis, ma la morte improvvisa non gli ha permesso di prendere la presidenza. Le elezioni successive portarono i vincitori a José Sarney, che divenne il primo capo di stato civile dal 1964. Nel 1988, il paese ha ricevuto una nuova Costituzione, in base alla quale tutti i successivi presidenti saranno eletti con voto popolare diretto.

José Sarnay - Il primo presidente civile del Brasile dal 1964

Da allora, il paese è stato guidato dai seguenti presidenti:

  • José Ribamar Ferreira de Araújo Costa Sarney - regno anni 1985-1990;
  • Fernando Afonso Color di Melo ha ricoperto la presidenza dal marzo 1990 all'ottobre 1992;
  • Itamar Augusto Cautieru Franco - capo dello stato dal 1992 al 1995;
  • Fernando Henrique Cardoso è rimasto presidente del Brasile dal 1995 al 2003, per due mandati consecutivi;
  • Marco António de Oliveira Maciel Presidente del Brasile dal 2003 al 2011;
  • Dilma Van Roussef - la prima donna presidente del paese, che ha ricoperto la carica dal 2011 al 31 agosto 2018;
  • Michelle Miguel Elias Temer Lulia è stata eletta Presidente del Brasile il 31 agosto 2018. Ora l'attuale capo di stato.
Dilma Roussef - la prima donna presidente del Brasile (rimossa dall'ufficio)

Da questa lista, solo due, Fernando Afonso Color di Melo e Dilma Van Rousseff non sono riusciti ad arrivare alla fine dei loro poteri. Il primo si è volontariamente rassegnato alle dimissioni a causa della minaccia di impeachment. La seconda, Dilma Rusef, è stata rimossa dall'incarico in seguito alla procedura di impeachment. Principalmente per la presidenza, si è aperta una lotta tra tre forze politiche: il Partito democratico brasiliano, il Partito dei lavoratori e i socialdemocratici brasiliani.

Резиденция нынешних глав государства - дворец Планалту - комплекс зданий, построенный в новой столице страны городе Бразилиа.

Дворец Планалту - официальная резиденция президентов Бразилии, столичный округ Бразилиа

Полномочия бразильских президентов

В соответствии с Конституцией страны на пост президента может баллотироваться любой гражданин страны возрастом не моложе 35 лет. Избрание осуществляется в результате прямого всенародного голосования из числа кандидатов политических сил, принимающих участие в выборах. Инаугурация избранного главы государства проходит в торжественной обстановке, в стенах Национального Конгресса. В тексте действующего Основного Закона закреплена поправка, разрешающая переизбираться действующему президенту страны на второй срок.

Что касается полномочий главы государства, то бразильские президенты имеют достаточно широкие права и не меньший круг обязанностей. Указы, декреты, решения, выдвигаемые главой государства в рамках исполнительной инициативы, носят силу законов. К полномочиям президента Бразилии относится подписание законодательных актов, контроль над соблюдением балансом всех ветвей государственной власти в стране.

Мишел Мигел Элиас Темер Лулиа - действующий президент Бразилии

В международной политике президент самостоятельно представляет страну в ходе дипломатических мероприятий, обладая правом подписывать международные соглашения и договоры, не противоречащие интересам государства. В компетенции президента находится верховное командование вооруженными силами страны. Глава государства имеет право объявлять в стране чрезвычайное и военное положение. Президент Бразилии наделен правом помилования и амнистирования в рамках действующего законодательства страны.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...