L'incrociatore "Mosca" - l'ammiraglia di combattimento della flotta del Mar Nero

Nella storia della moderna marina russa ci sono navi che non solo personificano la potenza marina dello stato, ma adornano anche la composizione di combattimento delle flotte operative. La nave ammiraglia del progetto di incrociatore di missili della flotta del Mar Nero 1164 "Mosca" è proprio una nave. L'incrociatore può essere giustamente chiamato la spina dorsale della forza navale della Russia al Black Sea Theatre.

Cause dell'aspetto del progetto 1164 incrociatori

L'aspetto negli anni '70 delle vaste distese delle grandi formazioni di portaerei della US Navy mise in una posizione difficile il Comando Navale Supremo dell'URSS. I risultati della guerra del Vietnam hanno mostrato quanto sia aumentato il ruolo dell'aviazione navale nei moderni conflitti militari. I gruppi della Marina degli Stati Uniti e della portaerei dei paesi della NATO potrebbero bloccare liberamente qualsiasi costa, colpendo contemporaneamente attacchi contro bersagli situati in profondità nel territorio nemico. I confini marittimi dell'URSS in questa situazione si rivelarono praticamente indifesi in termini tattici. Un nemico strategicamente probabile potrebbe paralizzare completamente la navigazione non solo nell'oceano, ma anche nei mari interni.

La flotta del Mar Nero, come il Mar Baltico, non aveva navi in ​​grado di resistere al potere di attacco delle portaerei. Il fianco orientale dell'Unione Sovietica era quasi nudo. Nell'Oceano Pacifico, nella composizione della flotta del Pacifico, non c'era una sola nave in grado di eliminare la minaccia dalle forze di sciopero delle flotte straniere. È stato urgentemente necessario attendere un'adeguata risposta tecnico-militare all'aumentata minaccia in mare. Questo fu il motivo principale per lo sviluppo e la successiva costruzione di incrociatori di missili del progetto 1164 presso i cantieri sovietici.

Dall'apparizione di navi di questa classe nella composizione della marina sovietica, la situazione in mare è cambiata radicalmente. Il comando navale dell'Unione Sovietica riuscì a neutralizzare il potere delle unità dell'aviazione americana che operavano nelle acque dei mari interni. Grazie alle loro armi e ai dati tattici e tecnici, le nuove navi guadagnarono il lusinghiero soprannome di "killer delle portaerei", mettendo in discussione il potere militare delle portaerei. Ricevettero il codice "Atlant" e nella classificazione degli incrociatori sovietici della NATO - codice Slava. Da questo punto in poi, i potenziali avversari furono costretti a fare i conti con l'aumento della potenza della Marina sovietica. Le azioni della US Navy e dei gruppi di attacco della portaerei della NATO vicino ai confini marittimi dell'Unione Sovietica sono diventate caute e non provocatorie.

Dopo il crollo dell'URSS, gli incrociatori lanciamissili di tipo Atlant hanno costituito la spina dorsale della flotta russa, rafforzando la posizione della Russia sul Mar Nero, sul Baltico e sull'Oceano Pacifico. Il primogenito della serie, l'incrociatore missilistico del progetto 1164 "Mosca", oggi continua a portare il servizio militare come parte della flotta del Mar Nero, controllando non solo l'intero teatro del Mar Nero, ma anche le aree del Mediterraneo orientale.

Le principali caratteristiche del design dell'incrociatore "Mosca"

Secondo il compito tecnico, che proveniva dalla leadership della flotta, le nuove navi avrebbero dovuto diventare incrociatori di sci a turbina a gas. L'inizio dello sviluppo della documentazione tecnica per il progetto 1164 risale alla primavera del 1972. La decisione di iniziare a progettare nuovi incrociatori è stata fatta al più alto livello. La Commissione militare sotto il Consiglio dei ministri dell'URSS ha designato il PKB settentrionale, situato a Leningrado, come progettista del progetto di progetto delle navi Atlant. All'epoca di questo collettivo, c'erano in quel momento parecchi progetti pronti di navi da combattimento, tra i quali vale la pena evidenziare il BOD del Progetto 61 e il tipo di guardie del Burevestnik.

La partecipazione al progetto è stata fatta su sistemi di propulsione a turbina a gas, il più economico rispetto ai motori a combustibile nucleare. Con lo spostamento, le nuove navi diventeranno navi oceaniche a pieno titolo, equipaggiate con potenti armi a razzo. L'incrociatore doveva essere equipaggiato con missili da crociera anti-nave "Basalt".

La prima nave della nuova serie fu posata nel 1976 nello stabilimento navale Nikolayevsky. 51 comunardi L'incrociatore ha ricevuto il numero di serie 2008 e il nome "Glory". Il nome della nave non è stato scelto per caso. Le navi con questo nome avevano uno status speciale nella storia della flotta russa. Dall'era delle navi a vela e finendo con pesanti navi da guerra, le navi chiamate "Glory" sono sempre state l'orgoglio della flotta russa. Nonostante l'urgente necessità di tali navi, il primo incrociatore era in costruzione da quasi 6 anni. Solo alla fine del 1982, la nave fu consegnata al comitato di selezione, dopo di che fu inviata per le prove in mare. Il nuovo incrociatore missilistico entrò in servizio l'anno successivo, diventando un'unità di combattimento a tutti gli effetti della flotta del Mar Nero e diventando parte della 150 brigata di sciopero delle navi di superficie.

La lunghezza dell'incrociatore era di 186 metri, che lo rese a quel tempo una delle più grandi navi militari sul Mar Nero. La dislocazione totale della nave era di 11.380 tonnellate. Nonostante l'eccesso di dislocamento di oltre mille tonnellate, l'incrociatore non ha perso nulla. La velocità massima della nave era di 32 nodi. La gamma di crociera a un corso economico di 18 nodi era di 6000 miglia. Senza rifornimento di carburante e fornendo la nave potrebbe essere in navigazione autonoma per un massimo di 30 giorni. L'equipaggio dell'incrociatore era di 510 persone.

L'implementazione del progetto 1164 prevedeva la costruzione di 10 navi dello stesso tipo. Tuttavia, in vista dell'inizio della costruzione degli incrociatori missilistici a propulsione nucleare di Orlan, il programma di costruzione delle navi da crociera Atlant fu ridotto a 6 navi. Il risultato fu la posa di 4 navi di questo tipo, di cui solo 3 navi poterono entrare.

Oggi, tutte e tre le navi del GRKR Moscow (precedentemente Glory) sono i fiori all'occhiello della flotta del Mar Nero. L'incrociatore missilistico "fratello gemello" Varyag fa parte della flotta del Pacifico. Il terzo incrociatore - progetto 1164 "Maresciallo Ustinov" - fino a poco tempo fa era stato revisionato a Severodvinsk e divenne di nuovo parte della forza d'attacco della Flotta del Nord.

Scafo della nave e centrale elettrica

Inizialmente, la nave fu costruita come alternativa per colpire navi con un progetto di centrale nucleare 1144, più grande e più costoso nella costruzione di navi.

In base alla progettazione, l'incrociatore era una nave a due alberi a ponte lungo con una sovrastruttura sviluppata su tre lati. La nave aveva migliorato la tenuta di mare a causa dell'uso di un camber più grande e di uno stelo inclinato nel set di telai della nave. La parte principale dello scafo era fatta di acciaio per navi, ma all'interno dello scafo le paratie e gli involucri sono fatti di leghe di alluminio resistenti. Allo stesso modo, sono state costruite sovrastrutture di ponte, che sono state rinforzate con lamiere di acciaio nei siti di lancio dei missili da combattimento. Tutte le manovre sull'incrociatore, compresi i camini, erano fatte anche di leghe di alluminio. L'uso del metallo leggero nel progetto della nave ha permesso agli sviluppatori del progetto di adattarsi allo spostamento stimato.

Sotto i serbatoi del carburante c'era un doppio fondo. Le cantine di munizioni erano situate in diverse parti della nave e separate da robuste paratie. Tutto l'interno della nave era dotato di un sistema antincendio e di un'irrigazione. Tutte queste misure hanno notevolmente aumentato la capacità di sopravvivenza della nave. Anche con l'allagamento di tre compartimenti adiacenti, la nave doveva rimanere a galla, senza perdere la sua capacità di combattimento.

La centrale elettrica dell'incrociatore meritava un'attenzione particolare. Nel progetto, la tendenza è quella di separare i motori in due gruppi, mid-flight e postbruciatore. Il corso principale della nave è stato fornito da 2 turbine a gas M21 con una capacità di 110 mila hp. Per aumentare la velocità di crociera, i motori a turbina a gas M70, la cui potenza era di 20 mila CV, sono stati messi in funzione. I gruppi di motori sono stati distribuiti su tutta la nave, fornendo così un alimentatore indipendente alla nave.

Armamento dell'incrociatore

La nave da guerra sul progetto 1164 fu originariamente creata appositamente per i nuovi missili anti-nave P-500 "Basalt", con grande potere distruttivo. I contenitori di partenza sono stati installati a coppie, quattro installazioni accoppiate da ciascun lato. Le munizioni dell'incrociatore erano 16 missili. Ogni missile P-500 aveva una lunghezza di 12 metri e pesava fino a 5 tonnellate nello stato equipaggiato. La velocità del razzo in superficie ha raggiunto i 1800 km / h. Il razzo potrebbe trasportare una frammentazione altamente esplosiva o una carica ad alto esplosivo che pesa fino a 1000 kg per una distanza di 250-350 miglia. Se necessario, il razzo "Basalto" potrebbe trasportare una carica nucleare.

Il progetto "Mosca" di missili cruiser della Guardia 1164 è stato successivamente equipaggiato con missili anti-nave P-1000 "Vulcan" più potenti. Le nuove armi hanno aumentato significativamente la potenza di fuoco della nave. A causa della riduzione della massa della testata, il razzo ha ricevuto un raggio di combattimento significativamente aumentato, che è di 1000 km.

Quest'arma divenne lo "straccio rosso" per il comando militare americano, che vide una reale opportunità di perdere le loro preziose portaerei in un momento. Grazie all'installazione sugli incrociatori del progetto 1164 del PRK "Basalt", queste navi hanno ricevuto il loro soprannome - "killer delle portaerei".

Oltre alle armi da attacco, le navi del Progetto 1164 erano ben equipaggiate con sistemi di difesa aerea. A servizio dell'incrociatore "Mosca" c'erano 8 lanciatori ZRK S300F "Fort", sei ZAK AK-630 e due missili anti-aerei "Osa-MA". Per combattere i sottomarini sugli incrociatori di questo progetto sono stati installati sistemi di combattimento "Waterfall" e jet-bombers RBU-6000.

L'incrociatore missilistico "Mosca", nonostante il fatto che avesse una cilindrata limitata, era quasi all'altezza dei suoi vigili del fuoco per le sue controparti più grandi, gli incrociatori a propulsione nucleare del progetto di tipo Orlan 1144. Se confrontiamo le caratteristiche tattiche e tecniche del progetto 1164 incrociatore con le navi di flotte straniere, quindi per molti aspetti gli incrociatori missilistici domestici sono simili alle navi americane del tipo Tikonderoga e ai cacciatorpediniere giapponesi Atago.

Nonostante la sua venerabile età, la nave è in servizio da quasi 25 anni, l'incrociatore "Mosca" continua a rimanere oggi la nave più grande e più potente dell'intero teatro marittimo del Mar Nero.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...