Incrociatore "Aurora": la storia della nave, la leggenda della nave

Il secolo delle navi non è lungo e la loro fine è solitamente triste: il fondale o il muro di una fabbrica di costruzione navale, dove vengono tagliati per rottami. Tuttavia, vi sono alcune eccezioni: si tratta di navi famose che, dopo la fine del loro servizio, diventano monumenti o musei. Puoi contare questi casi sulle tue dita: Queen Mary e Missouri negli Stati Uniti, Mikasa in Giappone, Cutty Stark e Victoria nel Regno Unito. In Russia, c'è anche una nave leggendaria che ha cambiato il corso non solo domestico, ma anche la storia del mondo intero. Naturalmente, questo è il famoso incrociatore "Aurora".

La maggior parte dei nostri connazionali incrociatori "Aurora" è principalmente associata a un singolo colpo, che è stato il segnale per l'assalto del Palazzo d'Inverno nell'ottobre del 1917. Ma questo non è troppo giusto: l'incrociatore era un partecipante agli eventi più fatali nella storia della Russia del secolo scorso. E la rivoluzione è solo una di queste.

Aurora riuscì a sopravvivere nell'inferno della battaglia di Tsushima, sfuggì alla morte durante la prima guerra mondiale e fu restaurata dopo essere stata sommersa nel blocco di Leningrado. Il destino manteneva chiaramente l'incrociatore. Oggi questa nave è uno dei musei più famosi di San Pietroburgo, ogni anno viene visitata da oltre mezzo milione di turisti. Attualmente, l'incrociatore è alla prossima riparazione, le autorità cittadine promettono che l'Aurora tornerà al suo legittimo posto già il 16 luglio.

Storia della nave

All'inizio del secolo scorso, la marina russa crebbe rapidamente e fu riempita con nuovi gagliardetti. Nel 1900, nei cantieri dell'Ammiragliato di San Pietroburgo, fu lanciato un nuovo incrociatore "Diana". Nella flotta russa, esiste da tempo una tradizione per chiamare nuove navi i nomi di navi famose in passato, così l'incrociatore fu chiamato Aurora in onore della fregata che si distinse durante la guerra di Crimea.

Alla cerimonia di lancio della nave ha partecipato l'imperatore russo Nicola II.

"Aurora" si riferisce agli incrociatori di prima classe o ai cosiddetti incrociatori corazzati, in cui il ponte aveva la protezione dell'armatura dal fuoco fuoribordo dell'artiglieria nemica. Non si può dire che la nuova nave fosse contraddistinta da eccezionali doti di combattimento: poteva sviluppare un percorso di 19 nodi (le più recenti corazzate di quell'epoca ne diedero 18), i suoi otto cannoni da sedici pollici non impressionarono nemmeno con la loro potenza di fuoco. Ma era perfettamente in grado di condurre ricognizioni, distruggendo le navi da trasporto nemiche e proteggendo le navi da guerra dai cacciatorpedinieri.

La situazione geopolitica all'inizio del secolo scorso era difficile. La Russia era in uno stato di vera guerra fredda con la Gran Bretagna, la Germania stava rapidamente guadagnando forza in Europa. In Estremo Oriente si stava creando un conflitto con il Giappone.

Dopo che i giapponesi attaccarono Port Arthur, l'Aurora cadde all'interno del 2 ° squadrone del Pacifico, che, sotto il comando dell'ammiraglio Rozhestvensky, doveva lasciare San Pietroburgo per l'Estremo Oriente per venire in aiuto della fortezza russa assediata.

Inizialmente questa impresa sembrava un'avventura, alla fine ha portato alla sconfitta a Tsushima - la peggiore sconfitta nella storia della flotta russa. Durante la battaglia, "Aurora" eseguì l'ordine dei trasporti custoditi dall'ammiraglio. Diciotto proiettili nemici di vari calibri salirono sull'incrociatore, la nave fu gravemente danneggiata, circa un centinaio di persone furono ferite o uccise. In battaglia, il comandante dell'incrociatore fu ucciso.

Dopo la fine del duello di artiglieria, le navi da guerra russe furono attaccate da cacciatorpediniere giapponesi. Furono loro a causare il danno più grave allo squadrone russo. Gli incrociatori dovevano proteggere le loro navi da guerra, ma invece abbandonarono le loro forze principali e si diressero verso le Filippine, dove furono disarmati e rimasero in piedi fino alla fine della guerra.

L'ordine di fuggire dal campo di battaglia fu dato dal contrammiraglio Enquist, che comandava una squadra di incrociatori. Dopo che le navi tornarono a casa, la dirigenza militare non sapeva cosa fare con l'ammiraglio: premiarlo per aver salvato le navi o per farlo processare per vigliaccheria e indecisione. Alla fine, ha semplicemente rinunciato.

"Aurora" tornò a San Pietroburgo nel 1906, dopo di che la nave iniziò le riparazioni, nel 1915, l'incrociatore fu aggiornato e acquisì un aspetto familiare a noi. L'artiglieria dell'incrociatore fu rafforzata, il numero di cannoni del calibro principale fu portato a quattordici.

Durante la prima guerra mondiale, l'Aurora operò nel Baltico, la nave faceva parte della seconda brigata da incrociatore. Inseguirono incrociatori tedeschi, distrussero dragamine e posamine, e condussero il servizio di pattugliamento nel Golfo di Finlandia.

Già nel 1914, nel Baltico, i tedeschi iniziarono a usare nuove armi per quel tempo: i sottomarini. Nell'ottobre dello stesso anno, il sottomarino tedesco U-26 entrò in collisione con due incrociatori russi: la nuova Pallada (la vecchia morì nei pressi di Port Arthur) e l'Aurora. Il capitano sottomarino ha scelto un Pallada più moderno come bersaglio per l'attacco. Dal colpire il siluro ha fatto detonare le munizioni della nave, l'incrociatore è andato sott'acqua in pochi secondi. Salvato non è stato. "Aurora" è riuscita a nascondersi negli skerries. Quindi, grazie al caso, la nave è sfuggita alla morte una seconda volta.

Gli eventi rivoluzionari del 1917 sono ben noti a tutti, centinaia di libri e articoli sono stati scritti su questo. Si può notare che la minaccia di aprire il fuoco sul Palazzo d'Inverno era un evidente bluff: la nave veniva riparata e il carico delle munizioni veniva scaricato.

Dopo la rivoluzione, l'Aurora si trasformò in una nave da addestramento: fece diversi viaggi, partecipò a manovre. Nel 1933, l'incrociatore fu trasformato in una base di addestramento galleggiante non semovente.

Durante la Grande Guerra Patriottica, i cannoni del calibro principale furono rimossi dall'incrociatore, difesero gli approcci alla città. I tedeschi hanno bombardato e bombardato molte volte le navi della flotta del Baltico, ma non erano troppo interessati alla nave da crociera privata. Nonostante ciò, l'Aurora ricevette una parte delle bombe nemiche che le erano dovute. Il 30 settembre 1941, a seguito di un bombardamento di artiglieria, la nave fu seriamente danneggiata e si sedette a terra.

Dopo aver rimosso l'assedio dalla città, l'Aurora fu rianimata. Lei raccolse e mandò alla riparazione successiva. Fu deciso di costruire una nave-museo da Aurora. Tutte le caldaie, i meccanismi e le eliche furono rimosse dall'incrociatore, l'artiglieria che era su di esso nel 1915 fu installata. Negli anni del dopoguerra, "Aurora" è diventato un simbolo di rivoluzione, una sorta di feticcio per l'intera popolazione di un grande paese.

L'immagine di questa nave potrebbe essere trovata ovunque, su cartoline, francobolli, monete. Il suo ruolo negli eventi rivoluzionari in ogni modo esaltato. La sagoma dell'incrociatore divenne lo stesso simbolo di San Pietroburgo come la Cattedrale di Sant'Isacco e il cavaliere di bronzo. I libri sono stati scritti su Aurora, le canzoni sono state composte, i film sono stati girati.

L'ultima importante revisione dell'incrociatore è stata effettuata a metà degli anni '80. La sua causa era il forte deterioramento dello scafo, in molti punti semplicemente marcito. Nelle stive le pompe funzionavano costantemente, raccogliendo ogni giorno poche decine di tonnellate di acqua. È diventato chiaro che senza una profonda revisione, la nave sarebbe semplicemente affondata.

È con questa riparazione che si dice che l'attuale "Aurora" non sia reale.

I lavori sono stati effettuati presso il cantiere navale settentrionale. Gli operai dovevano tagliare l'intera parte subacquea dell'incrociatore e sostituirlo con uno nuovo. La parte superficiale della nave è stata sottoposta ad un'alterazione non meno grave. È stato effettuato e la ricostruzione degli interni, che ha cercato di dare l'aspetto originale. Alcune unità e veicoli della nave furono sostituiti da modelli.

Esistono diverse valutazioni sul lavoro svolto, ma molti storici ritengono che nel 1987 una "replica" sia tornata nel luogo in cui la nave era ferma. Troppo poco nell'attuale incrociatore "Aurora" lasciato dalla nave, che discendeva dalle scorte nel 1900.

La parte sottomarina dell'incrociatore dopo la riparazione non fu tagliata per rottami metallici, ma fu rimorchiata al villaggio di Ruch'i (vicino a San Pietroburgo) e allagata lì.

Nel 2010, l'Aurora fu rimossa dalla Marina russa e trasferita al Museo navale centrale. Nel 2013, Shoigu ha detto che l'incrociatore è in attesa di un'altra riparazione, durante la quale sarà equipaggiata con un impianto diesel-elettrico. Cioè, la nave sarà di nuovo in esecuzione.

Nella più recente storia russa, l'incrociatore Aurora è stato più volte menzionato in relazione a una serie di forti scandali che hanno ricevuto un'ampia risposta nella società. Il fatto è che i rappresentanti dell'élite urbana (incluso il governatore di San Pietroburgo) hanno scelto la nave museo per celebrare eventi aziendali e altre feste VIP.

Nel 2014 sono iniziate le riparazioni programmate, che dovrebbero concludersi quest'anno. Quindi, almeno, ha promesso alle autorità di San Pietroburgo. Il ritorno di "Aurora" è previsto per il 16 luglio. Tuttavia, ci sono tutte le ragioni per credere che quando l'incrociatore ritorna al suo posto, sarà ancora meno simile a quella nave, il cui lancio è stato benedetto dallo stesso imperatore russo.

descrizione

"Aurora" si riferisce alla classe di incrociatori che classifico. La sua cilindrata totale è di 6731,3 tonnellate, la velocità massima - 19,2 nodi. La nave potrebbe fare rotta economica (10 nodi) di distanza di 4 mila miglia nautiche.

La principale centrale elettrica della nave era costituita da tre motori a vapore a tripla espansione verticale e 24 caldaie a vapore. La sua capacità totale era di 11610 litri. a.

La nave si mosse ruotando tre viti.

La fornitura massima di carbone che l'incrociatore poteva prendere a bordo era di 1mila tonnellate.

L'equipaggio dell'incrociatore - 570 persone, di cui 20 ufficiali.

Nel 1903, l'Aurora aveva le seguenti armi di artiglieria: otto cannoni da 152 mm del cannone principale, ventiquattro cannoni da 75 mm, otto cannoni da 37 mm del sistema Hotchkiss e due cannoni da assalto anfibio da 63,5 mm di Baranovsky.

L'armamento del siluro era rappresentato da una superficie e due tubi lanciasiluri subacquei. Le armi da miniera consistevano in 35 minuti di calibro 254 mm. Dal 1915, l'incrociatore era armato con 150 mine del tipo "1908".

Il ponte dell 'incrociatore aveva una riserva di 38-63,5 mm e una torre di comando - 152 mm.

Guarda il video: RUSSIA: RITORNA IN MARE L'INCROCIATORE LANCIAMISSILI NUCLEARE "PYOTR VELIKY" (Giugno 2019).