Presidente del Vietnam: le difficoltà e le difficoltà di stabilire il potere presidenziale nel paese

Nella storia del diritto internazionale, l'istituzione di istituzioni democratiche del governo nei paesi della regione Asia-Pacifico ha sempre avuto i suoi tratti distintivi. In questa parte del mondo hanno conservato a lungo le più antiche istituzioni del potere statale, basate sulle tradizioni e la mentalità locali. I cambiamenti nella struttura politica dei paesi di questa vasta regione avvenivano con grande ritardo. Mentre il movimento antimonarchico e antimperiale si diffuse in tutto il mondo, la forma di governo repubblicana trionfò, i paesi del Sudest asiatico continuarono a essere una roccaforte del potere monarchico. Tali popolari al mondo in quel momento concetti come la costituzione, la presidenza, le elezioni e il parlamento saranno conosciuti solo nel XX secolo.

Stemma del Vietnam

Un vivido esempio della conservazione storica del regime politico è il Vietnam. Fino alla metà del 19 ° secolo, il feudalesimo continuò ad esistere nel paese, sulla base del potere assoluto dell'imperatore, con la completa assenza di cultura politica. Ciò ha influito negativamente sul livello economico e socio-sociale dello sviluppo del paese. In questo stato, il Vietnam cadde rapidamente nell'orbita delle aspirazioni imperiali dell'imperatore francese Napoleone III, che voleva espandere la sua sfera d'influenza. In Vietnam, dove è stata osservata una relativa stabilità politica, non c'è stata né una rivoluzione né un movimento di liberazione su larga scala, in un istante è stato istituito il regime coloniale.

Esercito coloniale dell'Indocina

Il Vietnam sulla soglia delle grandi trasformazioni

Nonostante il fatto che la politica coloniale perseguita dagli stati occidentali fosse spesso accompagnata da misure crudeli e violente, per molte regioni del mondo questo periodo storico è stato l'impulso per lo sviluppo della civiltà. I colonialisti agirono secondo il metodo "carota e bastone", giocando sulle contraddizioni interne tra i clan dominanti. In Vietnam, i francesi hanno agito in modo simile, fornendo sostegno politico, militare ed economico ad alcuni sovrani locali. Il risultato dell'invasione francese fu la colonizzazione dell'intera Indocina, dove il Vietnam ebbe un ruolo chiave.

Sul territorio catturato, i francesi decisero rapidamente sul sistema di gestione amministrativa. Inizialmente, le province meridionali furono unite in un sistema che nel 1862 ricevette lo status di colonia con il nome di Cocincina francese. Venti anni dopo, le province centrali e settentrionali indipendenti dell'ex impero erano occupate dai francesi. Dal 1883, il Vietnam del Nord fu dichiarato un protettorato della Francia, nella storia del paese iniziò un lungo periodo coloniale. Durante la prima metà del 20 ° secolo, il paese era completamente sotto il controllo francese, essendo uno dei soggetti più importanti della politica coloniale francese.

Possessori francesi in Indocina

Tuttavia, l'Indocina francese non è rimasta lontana dai processi sociali e politici che si svolgono in tutto il mondo. Sullo sfondo del movimento anti-feudale e anti-coloniale, diffuso in Asia, guidato dai comunisti e dai partiti socialisti, il Viet Nam ha il proprio movimento di liberazione nazionale. Negli anni '30, il partito comunista dell'Indocina guidato da Ho Chi Minh entrò nell'arena politica. I tentativi dell'amministrazione coloniale francese di far fronte al movimento di liberazione nazionale all'inizio hanno un effetto positivo. La maggior parte dei partiti politici sono costretti a trasferirsi in lavori clandestini. Fino al 1940, Ho Chi Minh e i comunisti vietnamiti erano profondamente sottoterra. Solo la sconfitta della Francia nel 1940 e la successiva occupazione giapponese dell'Indocina portarono il movimento di liberazione nazionale dell'Indocina alla scena politica.

L'inizio della lotta di liberazione nazionale

In assenza di opposizione da parte dell'amministrazione coloniale e delle autorità di occupazione, i comunisti vietnamiti hanno creato la propria forza militare-politica nel 1941 - il Viet Minh. L'obiettivo e gli obiettivi dell'ala da combattimento dei comunisti vietnamiti erano di liberare il paese dagli invasori.

La proclamazione del DRV. Il primo presidente del Vietnam

Il Giappone militarista, che stabilì il suo dominio in Indocina, considerò questa regione come uno degli elementi più importanti della sua strategia di difesa. Da qui, l'esercito giapponese nel 1941-42 guidò l'attacco alla Malaysia e alla Birmania. Con il deterioramento della situazione politico-militare, il Giappone fu costretto a lasciare la regione, lasciando il governo fantoccio dell'imperatore Bao Dai in Vietnam.

Ultimo imperatore vietnamita

L'inizio della seconda guerra mondiale fu l'inizio di una nuova tappa nella storia dello stato antico. Nell'agosto del 1945, un mese prima che il Giappone firmasse l'atto di consegna in Vietnam, si tenne la prossima conferenza del partito comunista indocinese. I delegati hanno eletto il governo provvisorio del Vietnam, guidato da Ho Chi Minh. Questo periodo nella storia del paese fu chiamato la Rivoluzione d'Agosto. Già il 19 agosto i ribelli occuparono Hanoi, e una settimana dopo i comunisti occuparono Saigon - la più grande città dell'ex colonia francese. Il protetto giapponese, l'imperatore Bao Dai, abdicò al trono il 30 agosto.

Amministrazione francese ad Hanoi

La firma del Giappone dell'atto di resa incondizionata coincise con la promulgazione della Dichiarazione di indipendenza del Vietnam. Il 2 settembre 1945, l'insediamento della Repubblica Democratica del Vietnam fu annunciato ad Hanoi. Il posto di presidente del Vietnam è andato al leader comunista Ho Chi Minh. Il regno di Ho Chi Minh è durato per 24 anni fino al 1969.

Con la proclamazione dell'indipendenza, il Vietnam ha intrapreso la strada delle riforme democratiche dirette principalmente contro il patrimonio coloniale, il cui scopo ultimo era la creazione di uno stato socialista. Un anno dopo, nel novembre 1946, l'Assemblea nazionale della Repubblica democratica del Vietnam adottò la prima costituzione del paese. In conformità con il testo della Legge fondamentale, l'Assemblea nazionale diventa il supremo organo legislativo del paese e la sua composizione viene eletta durante le elezioni nazionali dirette. La costituzione del paese definisce lo status del presidente, eletto dai deputati dell'Assemblea nazionale.

Nonostante i principi democratici stabiliti nella costituzione del paese per la costruzione di una verticale di potere, il Vietnam è governato dall'élite del partito al potere guidata dal principale comunista vietnamita Ho Chi Minh. Non c'è praticamente alcun movimento di opposizione nel paese, poiché non ci sono partiti politici di destra orientati verso l'Occidente e la Cina nazionalista. Il periodo del dominio comunista si trasforma in una dittatura dell'élite del partito autocratico.

Annuncio della creazione del DRV

Con un fronte politico interno sufficientemente forte e stabile, la politica estera della Repubblica Democratica del Vietnam sta diventando oggetto di crescente attenzione dalla ex metropoli e da altri paesi occidentali. Dopo il ritiro delle truppe giapponesi, il paese fu invaso da inglesi e americani, che occuparono il Vietnam del Sud. In generale, la parte settentrionale del paese era sotto il controllo dell'esercito del Kuomintang. Né gli inglesi né gli americani hanno riconosciuto la Repubblica Democratica del Vietnam, aiutando i francesi a riprendere il controllo della ex colonia. Nonostante la difficile situazione politica, i leader comunisti della Repubblica autoproclamata continuarono a lottare per la completa indipendenza dell'intero territorio del paese dall'influenza straniera. Se nel nord del Vietnam i comunisti, guidati da Ho Chi Minh, riuscirono a prendere il controllo dei principali centri amministrativi dopo la partenza delle truppe di Chiang Kai-shek, il sud fu completamente controllato dall'amministrazione militare francese.

Il risultato di un conflitto politico così complesso fu l'aggressione diretta della Francia contro il DRV. Dal 1947, quasi l'intera parte settentrionale del paese fu occupata dalle truppe francesi. Tutti gli organi amministrativi e di partito del DRV sono stati costretti a trasferirsi in una situazione illegale. Il fallimento degli sforzi diplomatici ha portato al fatto che è arrivato il momento di agire su Vietminu, l'ala di combattimento dei comunisti vietnamiti.

Truppe francesi nel nord del Vietnam

Doppio potere e lotta per la liberazione e l'unificazione del paese

In alternativa al DRV, proclamato dai comunisti, le autorità di occupazione francesi iniziarono a creare il loro stato, che era sotto il controllo francese. Nel 1949 fu annunciata la creazione dello stato del Vietnam, il cui territorio comprendeva tutte le terre occupate dalle truppe francesi. Da questo momento inizia la fase attiva del confronto politico-militare, che ha gettato il Vietnam e l'intera Indocina nell'abisso di un lungo conflitto militare.

Accordi di Ginevra

Il potente appoggio politico dato alla giovane repubblica dell'Unione Sovietica e alla Cina comunista permise alle truppe DRV di infliggere una sconfitta sensibile ai francesi. Nel 1954, le parti in conflitto si sedettero per la prima volta al tavolo dei negoziati, che si concluse con la firma degli Accordi di Ginevra. Il nord del paese era sotto il controllo del governo di Ho Chi Minh. Nel sud, lo stato controllato dai francesi rimase il Vietnam. Il confine tra le due parti del paese passò lungo il 17 ° parallelo, che divenne una zona smilitarizzata. L'accento principale sugli accordi fu posto sulla successiva unificazione del paese, che doveva avvenire sulla base dei risultati delle elezioni libere generali. Tuttavia, questo allineamento non si adattava agli Stati Uniti.

Lo sbarco delle truppe americane in Vietnam

Dal 1955, gli Stati Uniti sono diventati un partecipante diretto al conflitto politico-militare in Indocina. Cercando di impedire lo scenario previsto dagli accordi di Ginevra, gli Stati Uniti stanno ispirando un proclama nel sud del paese della Repubblica del Vietnam. Ngo Din Ziem diventa presidente del nuovo stato fantoccio. Il periodo di presidenza, come quello della nuova Repubblica, si rivelò breve. Il primo presidente ha ricoperto il suo incarico per 8 anni fino al 1963, fino a quando è caduto vittima di un colpo di stato militare. Il potere passò nelle mani di Duong Wang Min, che divenne un dittatore per due mesi.

Il primo presidente del Vietnam del Sud

Da questo momento in poi, tutti i successivi leader del sud del paese saliranno al potere a seguito di putches e colpi di stato militari. Il Vietnam del Sud era guidato dalle seguenti persone:

  • 1964 - Generale Nugen Khan, un protetto dell'esercito sudvietnamita;
  • Phan Khak Shyu - Presidente civile (anni di governo 1964-1965);
  • Il generale Nguyen Van Thieu prestò servizio per 10 anni, dal giugno 1965 all'aprile 1975;
  • Chan Van Huong dopo il volo del presidente Nguyen Van Thieu e, essendo il vicepresidente del paese, dirige il paese nel 1975.

Va notato che la politica interna della leadership sudvietnamita, che si basa interamente sui proprietari d'oltremare, non ha permesso al nord comunista di sperare in una risoluzione anticipata del conflitto. Con il sostegno attivo dell'URSS e di Pechino ad Hanoi, si è deciso di procedere a uno scenario forte di unione del paese. Con l'aiuto delle unità di Vietcong (Fronte nazionale per la liberazione del Vietnam del Sud), i comunisti hanno cercato di influenzare il regime fantoccio del sud del paese con la forza militare. Vedendo l'incapacità del governo e dell'esercito del Sud di resistere indipendentemente all'assalto del Nord, dal 1964 gli americani hanno partecipato alla fase calda del conflitto armato. Per un lungo decennio, l'intero territorio del Vietnam sta diventando il teatro di un feroce scontro armato. L'implacabile nord comunista, guidato dal presidente Ho Chi Minh, sta combattendo con le forze statunitensi e l'esercito fantoccio sudvietnamita.

Vietcong

Nel 1969, il leader permanente dei comunisti vietnamiti morì all'età di 80 anni. La presidenza passa nelle mani di Ton Duc Thang, che rimane in questa posizione fino al luglio 1976. Ton Thang divenne il secondo e ultimo presidente della Repubblica Democratica del Vietnam.

È importante notare il fatto che durante l'esistenza del Vietnam del Sud, le autorità del DRV hanno ignorato politicamente i loro oppositori, non riconoscendo l'esistenza di un altro stato vietnamita. Concentrandosi sugli accordi di Ginevra, in base ai quali il paese avrebbe dovuto unirsi, i comunisti del Nord combatterono una guerra di liberazione. Dal punto di vista degli Stati Uniti, le autorità del DRV hanno commesso un atto di aggressione nei confronti di uno stato democratico. La guerra del Nord e del Sud si concluse formalmente nel 1973 con la firma degli accordi di pace di Parigi, in base al quale le truppe americane avrebbero dovuto lasciare il paese. La prossima offensiva politica intrapresa dall'esercito popolare vietnamita e dalle forze vietnamite contro Saigon nella primavera del 1975 pose fine ai disaccordi politici. Dopo l'occupazione della capitale del Vietnam del Sud da parte delle truppe della Repubblica Democratica del Vietnam, il regime politico basato sulle baionette americane fu rovesciato. Il lungo e sanguinoso periodo di liberazione e unificazione del Paese è finito.

L'esercito della DRV entra a Saigon

Il socialista vietnamita e i suoi presidenti

Dopo la liberazione di Saigon, fu istituita un'amministrazione temporanea sul territorio del Vietnam del Sud. Tutto il potere passò nelle mani del governo provvisorio della Repubblica del Vietnam del Sud, che era guidato dal presidente del Consiglio consultivo Huynh Tan Fat. Il nuovo governo del Sud del paese è stato completamente controllato dalle autorità del DRV, che hanno cercato il più presto possibile di sbarazzarsi del patrimonio coloniale e imperialista in questa parte del paese.

Creare NRW

L'unificazione finale del paese ebbe luogo nell'estate del 1976, quando il 2 luglio fu annunciata la creazione della Repubblica socialista del Vietnam. Sia il DRV che la Repubblica del Vietnam del Sud sono scomparsi dalla mappa politica del mondo. Di conseguenza, dal 2 luglio 1976, il presidente della DRV cessò i suoi poteri.

In conformità con la "vecchia-nuova" costituzione del paese, ereditata dal regime DRV, il socialista vietnamita continuò ad essere governato dal presidente. Conservato e altri principali enti governativi. Il seguace di Ho Chi Minh Ton Duc Thang, che rimase in questo posto fino al 1980, divenne il primo presidente della Repubblica socialista del Vietnam. Dopo la sua morte, dal 30 marzo 1980 al 4 luglio 1981, il presidente in carica del paese fu Nguyen Hyu Tho.

Il primo presidente del NRW

L'introduzione della nuova Costituzione del paese nel dicembre 1980 abolì la presidenza. Scomparso dal sistema di governo Il comitato permanente dell'Assemblea nazionale. Le funzioni del capo dello stato passarono ai poteri del presidente del Consiglio di Stato. Il potere esecutivo nel paese è passato nelle mani del presidente del Consiglio dei ministri, che dirige il Consiglio dei ministri della Repubblica socialista del Vietnam. In questo stato, il sistema del potere statale nella Repubblica socialista del Vietnam esisteva fino al 1992, quando nell'aprile dello stesso anno l'Assemblea nazionale adottò una nuova Legge fondamentale. Durante questo periodo, il paese è stato guidato dai presidenti del Consiglio di Stato:

  • Truong Tinh - regno anni 1981-1987;
  • A Ti Kong, eletto presidente del Consiglio di Stato nel giugno 1987 e rimasto in carica fino al settembre 1992.
Costituzione del Vietnam

La Costituzione del 1992 della Repubblica Socialista del Vietnam ha di nuovo introdotto la più alta posizione statale del paese nel Paese: il Presidente della Repubblica Socialista del Vietnam. Nelle nuove condizioni politiche, l'elezione del capo dello stato è stata effettuata in base ai risultati del voto segreto dei deputati dell'Assemblea nazionale. Di conseguenza, il presidente era responsabile nei confronti dei deputati. Il mandato è stato limitato a cinque anni, al momento di convocare l'attuale composizione del Parlamento della Repubblica. In caso di incapacità fisica di adempiere ai doveri del presidente, le funzioni del capo dello Stato vengono trasferite al vicepresidente.

I diritti e doveri del Presidente della Repubblica Socialista del Vietnam sono di natura formale, poiché l'Assemblea Nazionale e il Primo Ministro mantengono la piena autorità nel paese. Nonostante il fatto che il capo dello stato abbia il diritto di iniziativa legislativa, i suoi decreti e ordini sono sottoposti all'esame dell'Assemblea nazionale. Allo stesso tempo, il presidente vietnamita ha il diritto di nominare un vice presidente e primo ministro per l'esame da parte del legislatore. Con il deposito del presidente, viene deciso il destino del capo della Corte suprema e del procuratore generale della Repubblica.

Presidente all'Assemblea Nazionale

Il Presidente dello Stato è autorizzato a negoziare a livello internazionale, per concludere trattati, patti, alleanze e accordi che non contraddicano la sicurezza nazionale del Vietnam. Nella competenza del capo dello stato è il comando supremo delle forze armate dell'esercito popolare vietnamita. Le principali responsabilità dei presidenti includono anche:

  • dichiarare uno stato di guerra, decidere l'inizio della mobilitazione e l'imposizione della legge marziale nel paese;
  • принимает решение об амнистии;
  • принимает решение о назначении на должность, о награждении, об освобождении с занимаемой должности чиновников всех рангов, включая представителей вооруженных сил.

После введения поста президента эту должность занимали следующие лица:

  • Ле Дык Ань - период с 24 сентября 1992 по 24 сентября 1997;
  • Чан Дык Лыонг, годы правления 1997-2006 год. Избирался парламентом на высокий пост дважды;
  • Нгуен Минь Чьет занимал пост с 27 июня 2006 по 25 июля 2011;
  • Чыонг Тан Шанг находился в должности президента страны в 2011-2016 годах;
  • Чан Дай Куанг - действующий президент СРВ, избранный на должность 2 апреля 2018.
Действующий президент

Следует отметить, что, несмотря на пропагандируемые демократические ценности, верховная власть в стране целиком и полностью находится в руках коммунистов. Все лидеры государства, начиная с первого президента ДРВ Хо Ши Мина, и заканчивая нынешним главой государства, являются представителями Коммунистической Партии Вьетнама.

Резиденция президента

Официальная резиденция президента страны - президентский дворец. Это масштабное строение было построено еще в начале XX века в качестве основной резиденции французского генерал-губернатора. Сегодня президентский дворец входит в состав мемориального комплекса мавзолея Хо Ши Мина. Во дворце размещаются не только апартаменты государства. Здесь также располагаются все основные государственные службы аппарата президента, зал для приемов и официальных церемоний.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...