Cinqueda: la storia delle armi italiane

Nei secoli XV-XVI tra gli italiani, un tipo unico di coltelli era ampiamente conosciuto. Si distingue chiaramente dalle molte lame del tempo. Questa è una Cinqueda, classificata dagli storici come uno dei tipi di pugnali, indipendentemente dai segni che si riferiscono ad essa come una spada a tutti gli effetti.

La storia di Cincaeda

Anche prima della metà del XV secolo, gli europei non sembravano aver sentito parlare di un tale tipo di arma, perché i primi esemplari di Cincaeda non sono stati ancora trovati. Tutti gli esemplari conosciuti furono trovati nel nord del paese, dove i residenti li usavano principalmente per autodifesa. Si ritiene che la Cinqueda sia apparsa per la prima volta tra i fiorentini ei veneziani e che la sede principale per la produzione di queste armi fredde fosse considerata la regione veneta - Verona.

Il nome "Chinquad" deriva dalla parola italiana "cinque" e tradotto come "cinque divina". Nella sua configurazione, la lama del pugnale era piuttosto inusuale per quel tempo. Quindi, nell'area della maniglia, la larghezza della lama era esattamente al livello di cinque dita. Un ulteriore restringimento si è verificato nell'area della punta, che si è ulteriormente allungata in un triangolo. C'era anche una seconda versione del nome Chinquads. Il pugnale era chiamato "lingua di toro" a causa della somiglianza della forma della lama con la forma a cuneo della lingua dell'animale.

I manici degli antichi pugnali italiani, trovati dagli archeologi, erano fatti secondo lo stile generale. Somigliavano ai manici di antichi pugnali dei micenei e dei pori greci antichi. Tuttavia, c'era solo una differenza molto seria. Così, Chinquad aveva una traversa acutamente affilata, simile a corna dirette all'area della punta del pugnale. In futuro, molte maniglie curve furono attaccate alle successive spade classiche.

Gestire cinqueadas

Nel taglio del pugnale venivano fatte delle cavità per le dita, che aggiungevano la comodità di tenerle in mano. Le Cinquanta di nobili cittadini italiani erano, di norma, riccamente decorate e intarsiate.

Alcuni esperti osservano nei disegni chinquad la sovrapposizione con antichi coltelli romani di pugio, ma ricordano anche corte spade di parazoni.

Alcuni chinquad hanno dimensioni estremamente piccole, con lame lunghe fino a 15 cm, altre più grandi fino a 20 cm. Tuttavia, la maggior parte di questi vecchi bracci freddi italiani aveva enormi lame larghe fino a 45 cm e nelle articolazioni con manici fino a 9 cm. A volte le maniglie erano fatte anche in una versione a due mani, quindi, era estremamente scomodo tenere la spada pesante con la maniglia sottile della maniglia.

In realtà a causa di questi inconvenienti e di una grande massa di armi, la domanda è precipitata. E questo nonostante il fatto che per quasi cinquant'anni i Chinquad si siano diffusi ampiamente in tutto il territorio italiano e persino coperti la maggior parte dei francesi. Dopo che la crescente popolarità delle armi diminuì, le fabbriche di Verona del Nord Italia iniziarono ad espandere la loro sfera di influenza. Non si concentrarono più solo sulla ricca nobiltà, iniziarono a prestare attenzione al prosperoso netsyantantesimo e all'artigianato.

È stata modificata la lunghezza della lama nella direzione di una riduzione netta. Da allora, i Cincaedas sono diventati più simili non alle spade, ma ai pugnali. Tuttavia, gli armaioli e commercianti di armi, erano ancora chiamati "spade", solo per riempire il prezzo, nonché per aumentare la componente di stato.

Quando la saturazione di questo mercato si è verificata in misura sufficiente, gli armaioli nord-italiani hanno ulteriormente ridotto la lunghezza della lama e, naturalmente, hanno ridotto il costo totale del prodotto. Quindi, più di cento anni dall'inizio della produzione dei primi prodotti alla metà del XV secolo, la lunghezza della lama di Cinqueed fu ridotta più di tre volte.

Essendo diventato estremamente popolare e ampiamente "promosso", sebbene piuttosto pesante e poco conveniente tipo di armi fredde, il Chinquand cominciò ad essere acquistato dai contadini poveri e dai cittadini, e, naturalmente, dai banditi locali per il loro trasporto segreto.

I chinquad spesso avevano lame azzurrate con motivi incisi e erano decorati con foglie d'oro. La maggior parte dei modelli incisi sono attribuiti dagli storici a due artigiani del Nord Italia. La qualità dei motivi incisi sulle pale era eccellente. Così sul set delle copie trovate, magnifici disegni materici, con araldica scrupolosamente tracciata, così come con trame ben note di quel tempo, sono conservati e visibili.

Sia come sia, ma il mistero principale della storia di queste armi erano le domande:

  • Cosa ha causato questa arma italiana?
  • Qual è il segreto della rapida crescita della popolarità?
  • Perché quest'arma del Nord Italia è scomparsa così rapidamente senza conservare un'eredità degna?

Tuttavia, un luogo sacro non è mai vuoto, e Cinquead non fa eccezione. Così, già nel XVI secolo, i luoghi delle spade nobili di tutti i giorni erano occupati da spade.

Guarda il video: IL FUOCO DI SPADE & LA STORIA DELLE ARMI - Dal 13 Novembre (Novembre 2019).

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...