Il fucile mitragliatore di Subaev: caratteristiche del dispositivo e delle prestazioni

Una caratteristica di un'arma fabbricata nell'Unione Sovietica è spesso la sua semplicità e l'alta producibilità. Di norma, queste proprietà sono state integrate da elevata affidabilità ed efficienza pratica. Questo è particolarmente vero per le armi da guerra. Ma anche in questo contesto, il fucile mitragliatore Sudayev, creato nel 1942, si distingue per la sua brevità e la sua semplicità spartana. Tuttavia, gli esperti ritengono che PPS-42 e PPS-43 siano i migliori fucili mitragliatori della Seconda Guerra Mondiale.

Storia della creazione

I primi fucili mitragliatori sono apparsi durante la prima guerra mondiale. L'idea era abbastanza semplice: equipaggiare la fanteria in avanzata con armi automatiche leggere ed economiche. La solita mitragliatrice, creata sotto la cartuccia del fucile, era un mezzo difensivo ideale, ma aveva grandi dimensioni, quindi non poteva seguire rapidamente le truppe in avanzata. Il fucile mitragliatore che utilizzava la cartuccia della pistola aveva una piccola massa e un'alta velocità di fuoco, che aumentava significativamente la potenza di fuoco delle unità di fanteria.

I lavori per la creazione di nuovi sistemi di fucili mitragliatori continuarono dopo la prima guerra mondiale. In quegli anni, sono stati considerati due concetti di utilizzo di tali armi. Secondo il primo di loro, il fucile mitragliatore doveva svolgere le funzioni di una mitragliatrice ordinaria e sostenere le truppe (specialmente nell'offensiva). Una versione così leggera di una mitragliatrice convenzionale. Tali armi sono spesso dotate di una canna lunga, bipiede pieghevole, dispositivi di mira, che permettono di sparare a diverse centinaia di metri. Un tipico esempio di un simile fucile mitragliatore è il finlandese Suomi, che i soldati dell'Armata Rossa hanno incontrato durante la guerra finlandese.

Secondo un'altra opinione, il fucile mitragliatore era un'arma puramente ausiliaria, che avrebbe dovuto sostituire le pistole degli ufficiali, i carri armati, i militari delle unità ausiliarie. In Unione Sovietica, i generali non si lamentavano troppo dei fucili mitragliatori, considerandoli armi da polizia. L'opinione è cambiata dopo la guerra finlandese e l'uso effettivo del fucile mitragliatore Suomi da parte dei finlandesi.

In URSS, gli sviluppi in questa direzione sono in corso dalla fine degli anni '20. Hanno attratto i migliori progettisti di armi del paese. Le munizioni per il futuro fucile mitragliatore hanno scelto una cartuccia relativamente potente 7,63 × 25 Mauser. Di conseguenza, fu adottato un fucile mitragliatore del sistema Degtyarev, chiamato PPD.

Quest'arma cominciò a essere prodotta in serie, anche se in piccoli lotti. La situazione cambiò dopo la guerra finlandese: fu annunciato un concorso per la creazione di una nuova arma di questa classe, tenendo conto dell'esperienza delle reali ostilità. Ai progettisti è stato affidato il compito di rendere la macchina non peggiore rispetto all'RPD, ma è più semplice e meno costosa di quella.

Il progettista di armi Shpagin ha affrontato il compito meglio di tutti, è stata la sua creazione che è stata messa in servizio e gli è stato dato il nome PPSH-41. Questa mitragliatrice nella coscienza di massa è diventata un vero simbolo della Grande Guerra Patriottica e della Vittoria.

Molto rapidamente, la produzione di massa di queste armi è stata lanciata nel paese. Ma PPSH-41 aveva molti difetti che non potevano essere eliminati con la sua modernizzazione. Era particolarmente dispiaciuto di esploratori, petroliere, sabotatori e segnalatori: per loro era troppo massiccio e pesante. Inoltre, la leadership del paese voleva ottenere macchine ancora più semplici ed economiche.

Nel 1942 iniziò una nuova competizione. Ai partecipanti è stato assegnato il compito: realizzare un fucile mitragliatore con caratteristiche tattiche e tecniche non peggiore di quello di PPSh-41, ma con dimensioni più ridotte è più economico e semplice. Il vincitore di questo concorso è stato Alexander Ivanovich Sudayev.

A quel punto, il modello migliore e più sofisticato della PPSh-41 era già pronto, ma il fucile mitragliatore Soudaev lo superò a tutti gli effetti. Prima di tutto, riguardava l'affidabilità, l'accuratezza della battaglia, la resistenza all'inquinamento e, soprattutto, la facilità di produzione e l'intensità del materiale. Inoltre, il fucile mitragliatore Sudaev era più conveniente, più ergonomico rispetto al PPSh-41.

Sebbene il PPP fosse interamente realizzato in metallo, la sua intensità di metallo era quasi due volte inferiore a quella di PPSh-41. La lavorazione complicata richiedeva solo un bullone, tutti gli altri elementi e gruppi di armi erano fatti di lamiera, saldati o rivettati insieme. Ci sono voluti due tempi in meno per produrre un PPS-43 piuttosto che per produrre PPSh-41. Il numero di parti dell'arma è stato ridotto al minimo richiesto.

PPS-42 è stato messo in servizio alla fine del 1942. Il fucile mitragliatore risultò così facile da fabbricare che cominciò a essere prodotto nell'assediata Leningrado, a S-st-ro-rec-kom in-st-ru-men-tal-nom-in-de. Le armi direttamente dai laboratori della fabbrica furono inviate al fronte di Leningrado.

Ben presto sono state prodotte oltre 46 mila unità di PPS-42. Poco dopo, il designer ha perfezionato la sua macchina automatica, così è apparso PPS-43. In questa forma di realizzazione, il calcio e la canna sono stati accorciati e il peso della mano, il pre-deposito-te-te-la svasato e il ple-che-secondo i campioni erano leggermente modificati, il co-huh e lo stelo della nave erano uniti in un unico pezzo.

PPS-43 sono stati prodotti fino alla fine della guerra, ma il loro numero era significativamente inferiore a PPSh-41. La ragione è molto semplice: molte fabbriche hanno già avviato la produzione di massa della mitragliatrice Shpagin e sarebbe molto costoso cambiare i processi tecnologici. Inoltre, queste due macchine si completano perfettamente l'una con l'altra. Durante la guerra furono rilasciate circa 500 mila unità di quest'arma. Nell'esercito sovietico, il PPS era in servizio fino a circa la metà degli anni Cinquanta.

Nel 1944, la Finlandia iniziò a emettere modifiche PPS-43 a camera da 9 mm "Parabellum", questo mitragliatore venne adottato dalla Wehrmacht, dopo la guerra, la sua produzione fu lanciata in Polonia, Corea del Nord e Cina. Una copia leggermente modificata del PPP-43 era in servizio con la polizia e le guardie di frontiera nella Germania occidentale.

Questo automa fu usato anche nella guerra nella penisola coreana, in Vietnam, in molti conflitti in Africa e in Asia. Ha partecipato alle guerre nell'ex Unione Sovietica. Nei rapporti di diversi punti caldi questo fucile mitragliatore può essere visto oggi.

Arma del dispositivo

Le macchine automatiche PPS-43 funzionano facendo arretrare l'otturatore pesante sotto l'azione dei gas in polvere dello sparo. Le riprese avvengono dalla parte posteriore (bullone aperto).

Il fucile mitragliatore Sudaev è composto da un ricevitore con canna e da un meccanismo a grilletto con il quale è collegato il fusibile. Il ricevitore e la scatola del grilletto sono collegati per mezzo di una cerniera.

Nel ricevitore sono: canna, bullone, meccanismo di ritorno. La scatola è una parte a forma di U in lamiera di acciaio massiccio. La parte anteriore della scatola forma una copertura a barilotto che protegge la freccia dalle bruciature e fissa la canna. Nella cassa della canna ci sono tre file di aperture caratteristiche che forniscono un migliore raffreddamento. Nella parte anteriore della carcassa della canna c'è un compensatore del freno a volata di massimo design semplice, forma un dettaglio con il mirino.

Nel ricevitore, il massiccio catenaccio ritorna sotto l'azione di una molla alternata. La molla è fissata a un'asta di guida speciale. L'otturatore funge da riflettore e getta fuori le maniche.

Il meccanismo di innesco del tipo di shock, consente solo il fuoco automatico. Tuttavia, la velocità di fuoco del fucile mitragliatore è piccola, il che rende facile dare il cambio a più turni. Il fusibile blocca il grilletto.

Di fronte alla scatola del grilletto c'è il collo del negozio, è inchiodato ad esso. Caricatore con una capacità di 35 colpi è tenuto nel collo con un fermo speciale. Il negozio è a doppia fila.

Butt PPS-43 pieghevole in metallo, è costituito da bretelle e poggiaspalla. Trazione fissata sull'asse. Con l'aiuto del fermo può essere fissato il calcio in tre posizioni.

Durante lo smontaggio incompleto della macchina, la scatola del grilletto si appoggia in basso rispetto al ricevitore. Tale smontaggio è fatto letteralmente in più movimenti. La rotazione avviene rispetto all'asse dietro il collo della macchina. Il fermo speciale chiude il ricevitore e la scatola del grilletto.

Le attrazioni sono rappresentate dal mirino e da un semplice capovolgimento, che ha due posizioni: 100 e 200 metri.

Sei caricatori sono attaccati a ciascuna mitragliatrice Sudaev. Il peso totale dei negozi e della macchina attrezzati è di 6,72 chilogrammi, che è inferiore al peso della mitragliatrice Suomi con un caricatore con una capacità di 100 cartucce.

La potente cartuccia usata in quest'arma ha un effetto penetrante abbastanza alto. È vero, il suo effetto di arresto lascia molto a desiderare.

Specifiche tecniche

Calibro, mm7,62
Cartuccia usata7,62x25 TT
Peso, kg:
nessun negozio3
con negozio attrezzato3,62
negozio senza personale0,24
negozio attrezzato0,62
Lunghezza, mm:
quando il calcio è piegato831
con il culo piegato616
Lunghezza della canna, mm250
La lunghezza della parte filettata della canna, mm227
Numero di rigatura4
Scanalature del passo, mm240
Lunghezza della linea di vista, mm352
Velocità iniziale di un proiettile, m / s500
Tasso di fuoco, rds / min650-700
Capacità del caricatore, cartucce35

Guarda il video: Influenza del Dispositivo Tre D su Consumi e Prestazioni su MOTORE BAUDOUIN (Novembre 2019).

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...