Battaglia di Kursk - un cambiamento fondamentale nella Grande Patriottica e nella Seconda Guerra Mondiale

Dopo la battaglia di Stalingrado, che si concluse in un disastro per la Germania, la Wehrmacht tentò la vendetta nel 1943. Questo tentativo passò alla storia come la battaglia di Kursk e divenne il punto di svolta finale nella Grande Patriottica e nella Seconda Guerra Mondiale.

Preistoria della battaglia di Kursk

Durante la controffensiva dal novembre 1942 al febbraio 1943, l'Armata Rossa riuscì a sconfiggere un grande gruppo tedesco, circondare e costringere il 6 ° esercito della Wehrmacht vicino a Stalingrado ad arrendersi, liberando anche vasti territori. Così, tra gennaio e febbraio, le truppe sovietiche riuscirono a impadronirsi di Kursk e Kharkov e quindi di tagliare le difese tedesche. Il divario ha raggiunto circa 200 chilometri di larghezza e 100-150 di profondità.

Comprendendo che l'ulteriore offensiva sovietica poteva portare al collasso dell'intero Fronte orientale, il comando hitleriano all'inizio del marzo 1943 intraprese una serie di azioni vigorose nella regione di Kharkiv. Molto rapidamente, fu creato il gruppo d'urto, che il 15 marzo catturò nuovamente Kharkov e tentò di tagliare la sporgenza nell'area di Kursk. Tuttavia, qui l'offensiva tedesca fu fermata.

Dall'aprile del 1943, la linea del fronte sovietico-tedesco era quasi uniforme per tutta la sua lunghezza, e solo nella zona di Kursk era piegata, formando una grande sporgenza, che andò nella parte tedesca. La configurazione del fronte ha chiarito dove si sarebbero svolte le battaglie principali nella campagna estiva del 1943.

Piani e forze delle parti prima della battaglia di Kursk

mappa

In primavera, un acceso dibattito tra la dirigenza tedesca esplose sul destino dell'estate del 1943. Una parte dei generali tedeschi (per esempio, G. Guderian) in generale si offrì di astenersi da un'offensiva per accumulare forze sulla campagna offensiva su larga scala del 1944. Tuttavia, la maggior parte dei capi militari tedeschi era fortemente per l'offensiva già nel 1943. Questa offensiva avrebbe dovuto essere una sorta di vendetta per l'umiliante sconfitta a Stalingrado, così come l'ultima svolta della guerra in favore della Germania e dei suoi alleati.

Così, nell'estate del 1943, il comando di Hitler progettò di nuovo una campagna offensiva. Tuttavia, vale la pena notare che dal 1941 al 1943 la portata di queste campagne diminuì costantemente. Quindi, se nel 1941 la Wehrmacht lanciò un'offensiva su tutto il fronte, nel 1943 fu solo un piccolo settore del fronte sovietico-tedesco.

Il significato dell'operazione, chiamata "Cittadella", era attaccare le grandi forze della Wehrmacht alla base del Kursk Bulge e colpirle nella direzione generale di Kursk. Le truppe sovietiche nella sporgenza, dovevano inevitabilmente entrare nell'ambiente e essere distrutte. Successivamente, è stato pianificato di lanciare un'offensiva nella formazione di una breccia nella difesa sovietica e raggiungere Mosca da sud-ovest. Questo piano, se fosse implementato con successo, sarebbe una vera catastrofe per l'Armata Rossa, perché c'era un numero molto grande di truppe nel saliente di Kursk.

La leadership sovietica apprese importanti lezioni dalla primavera del 1942 e dal 1943. Così, nel marzo 1943, l'Armata Rossa fu completamente esausta da battaglie offensive, che portarono alla sconfitta vicino a Kharkov. Dopo di ciò, fu deciso di non lanciare la campagna estiva con un'offensiva, poiché era ovvio che anche i tedeschi stavano progettando di attaccare. Inoltre, la leadership sovietica non aveva dubbi che la Wehrmacht avrebbe attaccato proprio sul Kursk Bulge, dove la configurazione della prima linea contribuiva il più possibile a questo.

Ecco perché, dopo aver soppesato tutte le circostanze, il comando sovietico ha deciso di logorare le truppe tedesche, infliggendole gravi perdite e poi passare all'offensiva, fissando finalmente il punto di svolta nella guerra a favore dei paesi della coalizione anti-hitleriana.

Per l'attacco a Kursk, la dirigenza tedesca ha concentrato un gruppo molto ampio di 50 divisioni. Di queste 50 divisioni, 18 erano tank e motorizzate. Dal cielo, il gruppo tedesco era coperto dall'aviazione della 4a e 6a flotta aerea della Luftwaffe. Pertanto, il numero totale di truppe tedesche all'inizio della battaglia di Kursk era di circa 900 mila persone, circa 2.700 carri armati e 2.000 aerei. A causa del fatto che i gruppi nord e sud della Wehrmacht sul Kursk Bulge facevano parte di diversi gruppi di armate ("Centro" e "Sud"), il comando era esercitato dai comandanti di questi gruppi dell'esercito, il maresciallo Kluge e Manstein.

Il raggruppamento sovietico sul Kursk Bulge era rappresentato da tre fronti. La parete nord della sporgenza era difesa dalle truppe del Fronte Centrale comandate dal generale dell'esercito Rokossovsky, a sud dalle truppe del Fronte di Voronezh comandate dal generale dell'esercito Vatutin. Anche nel saliente di Kursk c'erano le truppe del Fronte della steppa, comandate dal colonnello generale Konev. Il comando generale delle truppe nel saliente di Kursk fu fornito dai marescialli Vasilevsky e Zhukov. Il numero delle truppe sovietiche era di circa 1 milione e 350 mila persone, 5000 carri armati e circa 2.900 aerei.

Inizio della battaglia di Kursk (5 - 12 luglio 1943)

Durante il combattimento

La mattina del 5 luglio 1943, le truppe tedesche lanciarono un'offensiva su Kursk. Tuttavia, la dirigenza sovietica conosceva il momento esatto dell'inizio di questa offensiva, grazie alla quale era in grado di prendere una serie di contromisure. Una delle misure più significative è stata l'organizzazione della controperparazione dell'artiglieria, che ha permesso nei primi minuti e ore di battaglia di causare gravi perdite e ridurre significativamente le capacità offensive delle truppe tedesche.

Tuttavia, l'offensiva tedesca iniziò, e nei primi giorni riuscì a raggiungere un certo successo. La prima linea della difesa sovietica fu spezzata, ma i tedeschi non riuscirono a raggiungere alcun serio successo. Sulla parete nord del Kursk Bulge, la Wehrmacht colpì la direzione di Olkhovatka, ma, non riuscendo a sfondare le difese sovietiche, si diresse verso la città di Ponyri. Tuttavia, qui la difesa sovietica fu in grado di resistere all'assalto delle truppe tedesche. Come risultato delle battaglie del 5-10 luglio 1943, il 9 ° esercito tedesco subì terribili perdite nei carri armati: circa due terzi dei veicoli erano fuori uso. 10 luglio, l'esercito si trasferisce in difesa.

Più drammaticamente, la situazione si stava svolgendo nel sud. Qui l'esercito tedesco nei primi tempi riuscì a penetrare nella difesa sovietica, ma non lo spezzò. L'offensiva fu condotta nella direzione dell'insediamento di Oboyan, che fu trattenuto dalle truppe sovietiche, che causarono anche danni significativi alla Wehrmacht.

Dopo diversi giorni di combattimenti, la dirigenza tedesca decise di spostare la direzione dello sciopero principale su Prokhorovka. L'attuazione di questa decisione nella vita coprirà un'area più ampia del previsto. Tuttavia, le unità dell'Esercito dei Carri Armati della 5a Guardia sovietica si frapponevano sulle cunei dei carri armati tedeschi.

Il 12 luglio, una delle più grandi battaglie tra carri armati della storia è esplosa nell'area di Prokhorovka. Circa 700 carri armati vi parteciparono dalla parte tedesca, mentre circa 800 dalla parte sovietica.Le truppe sovietiche lanciarono un contrattacco da parti della Wehrmacht per eliminare la penetrazione del nemico nella difesa sovietica. Tuttavia, questo contrattacco non ha raggiunto risultati significativi. L'Armata Rossa riuscì solo a fermare l'avanzata della Wehrmacht nel sud del Kursk Bulge, ma fu possibile ripristinare la posizione all'inizio dell'offensiva tedesca solo due settimane più tardi.

Il 15 luglio, dopo aver subito enormi perdite a causa dei continui attacchi feroci, la Wehrmacht ha quasi esaurito le sue capacità offensive ed è stata costretta ad andare in difesa lungo tutto il fronte. Il 17 luglio è iniziato il ritiro delle truppe tedesche sulle linee di partenza. Data la situazione in evoluzione, e anche perseguendo l'obiettivo di causare una grave sconfitta al nemico, il Quartier Generale del Comando Supremo, il 18 luglio 1943, sancì il trasferimento delle truppe sovietiche sul Kursk Bulge alla controffensiva.

Tigre ferita sotto Kursk

Ora le truppe tedesche furono costrette a difendersi per evitare una catastrofe militare. Tuttavia, le unità della Wehrmacht, seriamente esaurite in battaglie offensive, non hanno potuto fornire una resistenza seria. Le truppe sovietiche, rinforzate dalle riserve, erano piene di potere e prontezza a schiacciare il nemico.

Per la sconfitta delle truppe tedesche che coprono il Kursk Bulge, sono state sviluppate e realizzate due operazioni: "Kutuzov" (per sconfiggere il gruppo Oryol della Wehrmacht) e "Rumyantsev" (per sconfiggere il gruppo Belgorod-Kharkov).

L'aquila è libera

Come risultato dell'offensiva sovietica, i gruppi di Oryol e Belgorod di truppe tedesche furono sconfitti. Il 5 agosto 1943, Oryol e Belgorod furono liberati dalle truppe sovietiche e il Kursk Bulge praticamente cessò di esistere. Lo stesso giorno, Mosca per la prima volta salutò le truppe sovietiche, che liberarono città dal nemico.

Saluto il 5 agosto 1943

La battaglia finale della battaglia di Kursk fu la liberazione di Kharkov da parte delle truppe sovietiche. I combattimenti per questa città assunsero un carattere molto feroce, tuttavia, grazie al risoluto assalto dell'Armata Rossa, la città fu liberata entro la fine del 23 agosto. È la cattura di Kharkov ed è considerata la conclusione logica della battaglia di Kursk.

La liberazione di Kharkov

Lati di perdita

Le stime delle perdite dell'Armata Rossa e delle truppe della Wehrmacht hanno varie stime. Ancora più ambiguità è causata da grandi differenze tra le stime delle perdite delle parti in diverse fonti.

Così, fonti sovietiche indicano che durante la battaglia di Kursk l'esercito rosso perse circa 250 mila persone uccise e circa 600 mila feriti. Tuttavia, alcuni dati della Wehrmacht indicano 300 mila morti e 700 mila feriti. Le perdite di veicoli corazzati vanno da 1.000 a 6.000 carri armati e cannoni semoventi. Le perdite di aviazione sovietica sono stimate a 1600 auto.

Tuttavia, per quanto riguarda la valutazione delle perdite, i dati della Wehrmacht variano ancora di più. Secondo i dati tedeschi, la perdita delle truppe tedesche andava da 83 a 135 mila persone uccise. Ma allo stesso tempo, i dati sovietici indicano il numero di soldati della Wehrmacht morti a circa 420 mila. Le perdite dei veicoli blindati tedeschi variano da 1.000 serbatoi (secondo i dati tedeschi) a 3.000. Le perdite di trasporto aereo ammontano a circa 1.700 aeromobili.

Risultati e valore della battaglia di Kursk

Subito dopo la battaglia di Kursk e direttamente durante questo, l'Armata Rossa iniziò una serie di operazioni su larga scala per liberare le terre sovietiche dall'occupazione tedesca. Tra queste operazioni: "Suvorov" (operazione per liberare Smolensk, Donbass e Chernigov-Poltava.

Così, la vittoria a Kursk aprì per le truppe sovietiche una vasta portata operativa per l'azione. Le truppe tedesche, prosciugate di sangue e sconfitte a seguito delle battaglie estive, cessarono di essere una seria minaccia fino al dicembre 1943. Tuttavia, questo assolutamente non significa che la Wehrmacht in quel momento non fosse forte. Al contrario, ferocemente ringhiante, le truppe tedesche cercarono di mantenere almeno la linea del Dnepr.

Per il comando degli alleati, nel luglio del 1943, una squadra di sbarco sull'isola di Sicilia, la Battaglia di Kursk divenne una sorta di "aiuto", poiché la Wehrmacht non poteva trasferire riserve sull'isola - il Fronte Orientale era più prioritario. Anche dopo la sconfitta a Kursk, il comando della Wehrmacht fu costretto a trasferire nuove forze dall'Italia ad est, e al loro posto mandarono unità, battute in battaglia con l'Armata Rossa.

Per il comando tedesco, la battaglia di Kursk divenne il momento in cui i piani per sconfiggere l'Armata Rossa e le vittorie sull'URSS divennero infine un'illusione. È diventato chiaro che per molto tempo la Wehrmacht avrebbe dovuto astenersi dal condurre azioni attive.

La battaglia di Kursk fu il completamento di un cambiamento radicale nella Grande Patriottica e nella Seconda Guerra Mondiale. Dopo questa battaglia, l'iniziativa strategica passò infine nelle mani dell'Armata Rossa, grazie alla quale alla fine del 1943 furono liberati vasti territori dell'Unione Sovietica, comprese grandi città come Kiev e Smolensk.

In senso internazionale, la vittoria nella Battaglia di Kursk fu il momento in cui i popoli dell'Europa, resi schiavi dai nazisti, presero coraggio. Il movimento di liberazione in Europa ha cominciato a crescere ancora più velocemente. È culminato nel 1944, quando il declino del Terzo Reich era molto evidente.

Guarda il video: LA BATTAGLIA DELLE ALTURE DI SEELOW - WWII - 1619 APRILE 1945 (Novembre 2019).

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...