Moderni robot militari: sistemi di combattimento del futuro

Uno dei principali paradigmi della civiltà occidentale in questi giorni è il riconoscimento della vita umana come il valore più alto. Ma tali idee umanistiche entrano in conflitto con la necessità di combattere e addestrare i militari per loro. La morte dei loro soldati non solo non è coerente con i valori astratti, ma è anche scarsamente percepita dagli elettori, alla cui opinione i politici moderni ascoltano con sensibilità.

Gli eserciti occidentali moderni stanno facendo tutto il possibile per ridurre il numero di perdite. I combattenti sono dotati delle più moderne attrezzature, comunicazioni, armature. Gli Stati Uniti e i loro alleati conducono operazioni a terra solo in casi estremi, cercando di limitarsi a lanciare missili o bombardare l'aria. Tuttavia, il più delle volte è impossibile vincere una guerra senza un'operazione di terra.

La soluzione più promettente a questo problema è quella di sostituire i soldati sul campo di battaglia con i robot. Sviluppi attivi in ​​questa direzione sono condotti in molti paesi, ma gli Stati Uniti sono ancora i leader. Già oggi i sistemi di combattimento automatizzati sono ampiamente utilizzati in Afghanistan e in Iraq. L'arma letale non è tanto fidata da loro, ma i robot hanno già neutralizzato con successo mine, effettuato ricognizione e osservazione.

Nel 2007, i robot hanno partecipato a una vera battaglia in Iraq per la prima volta. Il test non ha avuto molto successo, ma le forze armate statunitensi non abbandonano l'idea di chiamare "terminatori" nelle loro forze armate. Il lavoro in questa direzione è in corso in Russia, ma non così attivamente come in Occidente.

Tuttavia, in generale, si può affermare che l'uso di sistemi automatizzati sul campo di battaglia è una delle aree più promettenti per lo sviluppo degli affari militari. Non siamo ancora troppo bravi a fare assistenti meccanici, ma molti esperti ritengono che nel prossimo decennio l'umanità si aspetterà una svolta in questo settore. Sfortunatamente, molto probabilmente, le nuove tecnologie saranno tra le prime ad essere utilizzate per la guerra e la distruzione.

Tipi di moderni robot di terra militari

I moderni robot militari terrestri possono essere suddivisi nei seguenti gruppi:

  • intelligenza;
  • engineering;
  • combattimento;
  • posteriore.

Va notato che per molti dispositivi automatici, questa separazione è in qualche modo arbitraria. Sono piattaforme unificate su cui, a seconda delle esigenze, sono installati alcuni moduli. Quindi un robot Sapper può essere facilmente trasformato in un robot da combattimento.

In realtà i robot militari possono essere divisi in tre grandi gruppi:

  • luce;
  • media;
  • pesante.

Un robot militare è costituito da un veicolo telecomandato e un telecomando da cui è controllato. I meccanismi robotici differiscono nel loro grado di autonomia, possono più o meno seguire il programma annidato e fare a meno dell'intervento umano costante. Già oggi ci sono dozzine di tipi di robot puramente militari, che si distinguono per le loro dimensioni, la forma del corpo, il telaio e la presenza di vari manipolatori.

Alla menzione dei robot militari, la prima cosa che viene in mente sono i robot antropomorfi di terminazione dei film di fantascienza. Hanno la loro intelligenza e possono agire autonomamente. Tuttavia, mentre questa immagine non è vera. Esistono già sistemi automatici simili (sebbene l'intelligenza artificiale non sia ancora stata discussa), ma il loro costo è enorme. Pertanto, i robot militari oggi sono piattaforme automatizzate o controllate a distanza.

Oltre al fatto che i moderni robot Android sono molto costosi, sul campo di battaglia non ci sono praticamente compiti che possano ottenere risultati migliori di un soldato professionista. La creazione di un vero soldato robot che avrebbe intelligenza in un modo o nell'altro è connessa con la risoluzione di tutta una serie di compiti nel campo della cibernetica, la teoria dei sistemi di controllo, lo sviluppo di nuovi materiali e fonti di energia.

Robot di intelligenza

I sistemi automatizzati sono stati a lungo utilizzati per raccogliere informazioni, cercare obiettivi e designare gli obiettivi e monitorare la situazione. Sia i veicoli aerei senza equipaggio che i robot di terra vengono utilizzati per tali scopi. Uno dei più piccoli robot da ricognizione usati oggi dall'esercito americano in Afghanistan è il ricognitore. Ha un peso di 1,3 kg e una lunghezza di 200 mm, dotato di una fotocamera convenzionale e ad infrarossi. Questo robot può essere lanciato dietro ostacoli, ma può muoversi solo su una superficie relativamente piatta.

Un altro rappresentante del gruppo di robot da ricognizione è First Look 110. Pesa 2,5 kg, ha le tracce ed è controllato da una console situata presso l'operatore al polso. Il robot è dotato di quattro telecamere e può superare piccoli ostacoli. Altri sensori possono essere installati su di esso: termocamere, indicatori di contaminazione biologica, chimica e radiante.

Un altro veicolo telecomandato utilizzato attivamente nell'esercito degli Stati Uniti per le missioni di ricognizione è Dragon Runner. Questo robot è anche dotato di un telaio cingolato, è progettato per la prima linea di combattimento. Dragon Runner viene trasportato nello zaino, puoi lanciarlo attraverso qualsiasi ostacolo.

Il robot militare americano più massiccio (realizzato con oltre 3 mila pezzi) è TALON, sviluppato da Foster-Miller. Questa macchina è molto affezionata ai soldati americani, è stata molto efficace in Afghanistan. Questo robot è perfetto non solo per la ricognizione, ma anche per il disarmo di ordigni esplosivi. Fu TALON ad utilizzare attivamente per la ricognizione delle caverne, dove i talebani si nascondevano, sul conto di questo robot con 50 mila ordigni esplosivi disinnescati. L'esercito americano decise addirittura di dare armi TALON "ai manipolatori". Fu creata una modifica del robot, su cui era possibile installare una mitragliatrice, un fucile da cecchino o un ATGW. Spara a un robot con una precisione davvero da cecchino.

A proposito, gli americani hanno notato un fenomeno interessante: i combattenti sono fortemente attaccati ai robot, li trattano come compagni o animali domestici.

Come possiamo vedere, la linea tra diversi gruppi di robot militari è spesso piuttosto sottile: un sistema automatizzato può condurre ricognizioni, rilevare mine e partecipare direttamente alle ostilità.

Robot di ingegneria

Questo è un altro ampio gruppo di meccanismi che di solito sono controllati a distanza. I robot ingegneristici vengono utilizzati per lo smaltimento di mine e mine, creando passaggi nei campi minati, sollevando pesi e detriti.

Una tendenza importante nello sviluppo di tali macchine è stata un aumento della loro massa, che ha permesso di attrarre macchine telecomandate per lavori più seri. Negli Stati Uniti, ora tutte le macchine di ingegneria sono controllate da remoto.

Un tipico esempio di tale tecnica è la macchina di ingegneria MV-4 (o M160). La sua massa è di 5,32 tonnellate, ha un telaio cingolato e viene utilizzato per lo smaltimento di munizioni e mine ad una profondità di 320 mm. È possibile controllare l'MV-4 da una distanza di due chilometri, il che rende il lavoro degli zappatori completamente sicuro.

Una macchina di ingegneria ancora più pesante con un telecomando è ABV (Assault Breacher Vehicle), che nella sua protezione di massa e armatura è paragonabile all'americana OBS Abrams. L'ABV è dotato di una rete da traino e di cariche di sminamento, può installare schermi per il fumo. Ora negli Stati Uniti stiamo lavorando su una modifica completamente autonoma della macchina.

Esiste un enorme numero di piccoli robot Sapper che vengono utilizzati attivamente non solo dai militari, ma anche dalla polizia e dai servizi speciali. Sono diventati familiari e spesso li vediamo in TV. Infatti, perché rischiare le persone se è possibile inviare ad esaminare un oggetto sospetto di un robot con una macchina fotografica e un manipolatore?

Uno dei robot più famosi per lo sminamento è MarkV-A1, creato dalla società americana Northrop Grumman Corporation. Ha installato diverse videocamere e un cannone ad acqua per distruggere le bombe. Attualmente, MarkV-A1 è utilizzato da unità speciali degli Stati Uniti, Israele e Canada.

Robot da combattimento

Naturalmente, il più grande interesse tra i robot da combattimento pubblici causa. Tuttavia, questo gruppo di macchine automatizzate a terra non è ancora molto sviluppato. La battaglia moderna è molto complicata, di breve durata e le decisioni devono essere prese immediatamente, cambiando rapidamente la loro posizione. Tutto ciò nei moderni sistemi automatizzati non è ancora molto buono. I robot da combattimento antropomorfi sono esotici piuttosto tecnici su cui lavorano nei laboratori. La maggior parte dei robot da combattimento oggi ha un telaio su ruote o cingolato, sono controllati tramite un cavo o un segnale radio.

Uno dei più noti sistemi di combattimento autonomi è il veicolo senza pilota della Guardium israeliana, che viene utilizzato per il servizio di pattuglia, la guardia e la scorta di coloni, nonché per condurre la ricognizione. L'auto è creata sul telaio del passeggino, ha una buona velocità e velocità, è possibile installare armi su di esso. Guardium è stato adottato dalle Forze di Difesa Israeliane nel 2009.

Il robot da combattimento più massiccio e altamente riconoscibile è il già menzionato TALON, o meglio, il robot SWORDS creato sulla base di questa piattaforma, in grado di trasportare un fucile da cecchino, un lanciagranate e una mitragliatrice. Il costo di una unità è di $ 230 mila, ma il produttore promette di ridurre il prezzo di quasi la metà (a $ 150 mila) dopo l'inizio della produzione di massa.

Un altro robot che può sparare al nemico è Warrior, creato dalla compagnia americana iRobot. Puoi installare una mitragliatrice da 7,62 mm, un fucile automatico, sistemi anticarro e altre armi. Il guerriero può essere usato come un geniere, può trasportare i feriti dal campo di battaglia.

Nel 2010, Northrop Grumman ha presentato un altro sviluppo proprio: il robot da combattimento CAMEL. Il cliente era l'agenzia americana per lo studio avanzato DAPRA. Questa è una piattaforma piatta su una pista, che oltre alle armi può trasportare 550 kg di carico. Sulle ruote possono essere indossate cinghie di gomma, che aumentano notevolmente la capacità di cross-country CAMEL cross-country. Il robot può accompagnare le unità di combattimento e muoversi autonomamente, guidato da segnali GPS.

Un altro promettente robot americano è il Crusher ("crush" o "destroyer"). Questa è un'auto a ruote del peso di 6,5 tonnellate. La sua caratteristica è una croce alta e la capacità di superare ostacoli significativi. Crusher è equipaggiato con diverse videocamere, un laser range finder, una termocamera, è possibile installare vari tipi di armi su di esso.

Il più grande robot da combattimento oggi è Black Knight, sviluppato da BAE Systems (USA). Questo veicolo cingolato ha un peso di 9,5 tonnellate, armato con un cannone automatico da 30 mm e una mitragliatrice accoppiata con esso. Il robot è dotato di telecamere, termocamere, radar, sistema di navigazione satellitare. I comandi del cavaliere nero sono fatti da un veicolo di comando speciale o da Bradley BMP.

Robot posteriori

Un gruppo separato è costituito da robot destinati al trasporto di merci, anche nell'area delle ostilità. Tali sistemi devono accompagnare i combattenti e trasportare parte delle loro munizioni, armi pesanti e altri beni. Quasi tutti questi robot possono eseguire funzioni aggiuntive: ricognizione o evacuazione dei feriti.

Esempi di tali macchine sono SMSS, R-Gator e TRAKKAR. Separatamente, vale la pena menzionare il portiere robot americano BigDog, che si muove su quattro arti e può teoricamente passare dove il veicolo a ruote non è in grado di muoversi. Ma questo sviluppo è ancora sperimentale.

E noi?

La Russia ha un buon inizio in questa direzione, sebbene vi sia un certo ritardo nei sistemi di comunicazione e controllo. I centri di robotica domestica sono OJSC "Izhevsk Radio Plant", MSTU. Bauman, NITI "Progress" (Izhevsk).

Presso la Radio Factory di Izhevsk è stata creata una piattaforma robotica universale IRA che, a seconda della configurazione, può eseguire varie funzioni. Questo robot è piccolo, ma ha un arsenale molto impressionante: due lanciagranate, due proiettili a razzo Bumblebee, una mitragliatrice Pecheneg o Kord. MRK può essere controllato a distanza a una distanza di 500 metri. Il robot è dotato di videocamera, microfono, sistema di illuminazione.

Questo complesso è stato originariamente progettato per parti delle forze strategiche missilistiche per proteggere i lanciatori di ICBM.

Come molti altri moderni robot da combattimento, gli ISC sono una piattaforma universale su cui è possibile installare equipaggiamenti e armi aggiuntivi.

Un altro sistema di combattimento automatizzato russo è Platforma-M. È stato sviluppato al NITI Progress ed è stato presentato per la prima volta al pubblico nel 2018. La piattaforma può essere utilizzata per la ricognizione (ci sono videocamere, una termocamera, una stazione radar, un telemetro), perlustrazione dell'area, supporto per unità d'assalto. Platform-M può essere armato con un lanciagranate automatico, mitragliatrice, sistemi anticarro. Il peso della macchina è di 800 kg, il carico utile è di 300 kg. Puoi controllare la "Piattaforma" a una distanza massima di 5 km.

Ci sono informazioni che questa macchina è utilizzata dalle truppe russe in Siria.

Il più pesante sistema di combattimento robotico russo è Uran. Il peso di questa macchina raggiunge le otto tonnellate. Sulla base di "Urano" ha creato una macchina antincendio, una rete da traino e un'autopompa antincendio. "Urano" ha più volte partecipato a vari esercizi.

Nel 2018, Rosoboronexport annunciò l'inizio della promozione del complesso automatizzato russo Uran-9 sul mercato mondiale delle armi.

Sulle prospettive dei robot militari

La robotica sta prestando particolare attenzione in tutto il mondo. Solo negli ultimi anni il Pentagono ha stanziato 4 miliardi di dollari per sviluppare robot militari. Tuttavia, il settore civile fissa ancora delle priorità in questa direzione. Al momento non si può ancora dire che la robotica influenzi fortemente la sfera della difesa e della sicurezza nazionale. Tuttavia, le cose possono cambiare molto rapidamente.

Lo sviluppo di sistemi automatizzati è all'avanguardia nello sviluppo della scienza e della tecnologia. Per creare un robot da combattimento veramente efficace, è necessario risolvere molti dei problemi tecnici più complessi. Questo è lo sviluppo di fonti di energia fondamentalmente nuove, potenti e compatte, e la creazione di sensori avanzati e la fornitura di comunicazioni più affidabili.

Allo stato attuale, i robot usati dagli umani (inclusi i militari) assomigliano ai giocattoli radiocomandati più dei meccanismi descritti da Asimov e da altri maestri di narrativa.

Video sui robot da combattimento

Guarda il video: 9 ARMI MILITARI PIÚ AVANZATE E FOLLI IN AZIONE (Settembre 2019).