Battaglia per Mosca: il fallimento del blitzkrieg di Hitler

Nel 1939-1941, il Terzo Reich riuscì a conquistare vasti territori. L'esercito tedesco, o Wehrmacht, riuscì a sottomettere circa metà delle potenze europee e l'altra metà a formare alleati e satelliti. Le campagne di questi due anni furono velocissime e la potenza delle armi tedesche fu impressionante. Tuttavia, la marcia vittoriosa della Wehrmacht non durò a lungo, e dopo le sconfitte del 1942-1943, quasi scomparve. La prima grande sconfitta dell'esercito hitleriano fu la battaglia di Mosca.

Sfondo e sfondo della battaglia per Mosca

Il 22 giugno 1941, le truppe tedesche invasero l'Unione Sovietica. Fin dai primi giorni, l'eccellenza operativa tedesca è stata chiaramente delineata. Creando superiorità numerica nelle forze in alcune zone, la Wehrmacht, nelle prime settimane, riuscì a infliggere una grave sconfitta all'esercito, approssimativamente di dimensioni uguali ad essa. Inoltre, la leadership sovietica, in vista della catastrofe del giugno 1941, non riuscì a realizzare il suo vantaggio tecnico.

Verso la fine di giugno - inizio luglio 1941, il fronte occidentale dell'Armata Rossa fu quasi completamente sconfitto. Infatti, a quel tempo, la strada per Mosca era aperta alla Wehrmacht, ma la lunga distanza dalla capitale sovietica rese impossibile la sua cattura nell'estate del 1941. Tuttavia, la situazione è rimasta difficile.

L'avanzata delle truppe tedesche fu così veloce che dal 10 luglio furono in grado di avvicinarsi a Smolensk. Così, circa 700 chilometri su 1000 dal confine con Mosca sono già stati superati. Ma allo stesso tempo, e la Wehrmacht, dopo aver percorso una distanza così grande in un tempo relativamente breve, sfiniti un po '. Il 2 ° Gruppo di Panzer tedesco sotto il comando del generale Guderian, sfondando il Dnieper, si staccò seriamente dalle forze principali e fu costretto a fermare l'offensiva.

Battaglia di Smolensk

Nel periodo dal 10 luglio al 10 settembre 1941, l'Armata Rossa condusse tutta una serie di azioni difensive e offensive che passarono alla storia come la Battaglia di Smolensk. Qui le truppe sovietiche sono riuscite a trattenere per due interi mesi le truppe naziste, precipitandosi a Mosca, infliggendole gravi perdite e riducendo in modo significativo la loro offensiva offensiva.

16 luglio, la Wehrmacht ha preso possesso di Smolensk. In questo caso, la leadership sovietica ha deciso di non denunciare l'abbandono di una città così significativa via radio fino a un ordine speciale del governo. Nella zona di Smolensk, il 16 ° esercito sovietico era circondato, che con pesanti combattimenti riusciva ancora a uscire dal ring.

Combatte vicino a Smolensk

Il 29 luglio la Wehrmacht riuscì a catturare la città di Yelnya, formando così una proiezione verso est. Una pagina separata nella storia della Grande Guerra Patriottica è collegata a questa sporgenza. Nel giro di un mese e mezzo, l'Armata Rossa fece diversi tentativi per tagliare la sporgenza e privare la Wehrmacht di un trampolino di lancio vantaggioso dal punto di vista operativo nell'area di Yelni. Solo all'inizio di settembre la 24esima armata sovietica riuscì a conquistare la città. Tuttavia, nelle battaglie le unità sovietiche hanno subito perdite molto grandi, in relazione alle quali il Fronte di riserva è stato drenato in modo significativo dal sangue. Inoltre, dalla fine di agosto, la testa di ponte elninsky ha perso ogni valore pratico a causa del ritiro delle parti principali della Wehrmacht da esso, così come l'inizio delle forze tedesche in altri settori del fronte. Inoltre, gli eventi successivi hanno mostrato che l'operazione di contrattacco nella zona di Yelni non aveva quasi senso. Tuttavia, allo stesso tempo, fu una delle prime serie vittorie sovietiche.

Il rilascio di Yelna

A metà settembre, la Wehrmacht ha ridotto l'attività nel settore centrale del fronte sovietico-tedesco e ha condotto una serie di operazioni nel nord (blocco di Leningrado) e nel sud (accerchiamento del Fronte sud-occidentale e Kiev, l'invasione della Crimea), creando condizioni favorevoli per l'inizio dell'offensiva Mosca. Tuttavia, le unità sovietiche circondate continuarono a fornire una resistenza disperata e ostinata, abbattendo così l'offensiva delle truppe tedesche. Alla fine di settembre, dopo aver vinto vittorie operative nel sud e nel nord, la Wehrmacht iniziò a concentrare le riserve nella direzione centrale. È diventato chiaro dove avrebbero avuto luogo le battaglie decisive.

Forze e piani delle parti

Alla fine di settembre, la Wehrmacht è riuscita a concentrare forze molto serie nel settore di Mosca, che comprendeva tre eserciti (il 2 °, 4 ° e 9 °) e tre gruppi di carri armati (il 2 °, 3 ° e 4 °). Queste truppe facevano parte dell'Esercito Group Center, comandate dal generale F. von Bock. Dall'alto, le truppe tedesche sostennero la 2a flotta aerea sotto il comando di A. Kesselring. Il numero totale del gruppo tedesco era di 78 divisioni, ovvero quasi due milioni di persone, circa 2000 carri armati e 1.300 aerei.

La Wehrmacht si opponeva a tre fronti dell'Armata Rossa: gli eserciti occidentali (16 °, 19 °, 20 °, 22 °, 29 ° e 30 °) sotto il comando del colonnello generale I. S. Konev, Riserva (24 ° , Il 31 °, 32 °, 33 °, 43 ° e 49 ° esercito) sotto il comando del maresciallo S. M. Budyonny e Bryansk (il 3 °, 13 ° e 50 ° esercito, nonché separati operativi gruppo) sotto il comando del colonnello generale A. I. Eremenko. Il numero totale di truppe sovietiche era di circa 96 divisioni, ovvero 1 milione e 200 mila persone, circa 1000 carri armati e circa 550 aerei. Quindi, il vantaggio complessivo era dalla parte dei tedeschi.

Il piano del comando tedesco, chiamato "Typhoon", doveva sfondare le difese delle truppe sovietiche in vari settori, circondando i gruppi principali dei Bryansk e dei fronti occidentali e attaccando Mosca che era quasi sfacciato. È stato progettato non solo per prendere la capitale dell'Unione Sovietica e circondarla. Hitler sognava che nessun residente di Mosca potesse lasciare la città.

I piani dell'Armata Rossa erano diametralmente opposti. Doveva difendere ostinatamente il territorio, infliggendo contrattacchi e sempre più esaurendo la Wehrmacht. Quindi fu pianificato di effettuare una controffensiva con l'aiuto di nuove forze già accumulate nell'area della capitale a spese delle riserve del Comando Supremo e divisioni provenienti dall'Estremo Oriente e dalla Siberia.

L'inizio della battaglia (30 settembre - 11 ottobre 1941)

Attacco di Mosca nel 1941

Il 30 settembre 1941 iniziò l'offensiva del 2 ° Gruppo Tank tedesco. Questo gruppo era concentrato a sud-ovest di Brjansk, quindi la sua promozione fu condotta nella direzione nord-est. Già nella prima settimana le truppe tedesche riuscirono a catturare Bryansk, Orel e circondare tutti gli eserciti del fronte sovietico di Brjansk.

Contemporaneamente agli eventi nel Fronte di Brjansk, il dramma scoppiò a nord, nella regione di Vyazma. Qui l'offensiva tedesca iniziò il 2 ottobre, ma anche nella prima settimana raggiunse l'obiettivo di accerchiare le truppe del Fronte Occidentale Sovietico. Così, già nella prima settimana dell'operazione Typhoon, le truppe di due dei tre fronti sovietici si ritrovarono nelle "caldaie".

La lotta delle unità accerchiate dell'Armata Rossa era davvero disperata. In questo caso, per un breve periodo, le truppe sovietiche sono riuscite a fare un buco sul ring del Fronte Occidentale, ma pochi sono riusciti a uscire dal ring. Totale ucciso e catturato dall'Armata Rossa all'inizio di ottobre 1941, ha perso più di 650 mila persone. Ora il fronte nella direzione di Mosca deteneva solo 90 mila persone.

Dopo aver schiacciato le sconfitte a Vyazma e Bryansk, la leadership sovietica ha deciso di trasferire i resti del Fronte di riserva alle forze occidentali. Il nuovo comandante del Fronte Occidentale fu nominato Generale G. K. Zhukov. Riuscì a organizzare una nuova linea di difesa, facendo affidamento sulla frontiera di Mozhaisk.

Una nuova tattica della leadership sovietica nel settore di Mosca era quella di coprire le principali autostrade che conducevano alla capitale, poiché le forze per mantenere la linea del fronte erano completamente sparite. Dopo il completamento della liquidazione delle truppe sovietiche accerchiato in precedenza, il comando tedesco di nuovo lanciò un'offensiva, ritenendo che le truppe sovietiche nel settore di Mosca furono sconfitte. Tuttavia, le unità dell'Armata Rossa hanno offerto resistenza testarda e disperata, cercando di trattenere il nemico.

L'esito della prima fase della battaglia per Mosca fu una grande sconfitta per l'Armata Rossa e la perdita di territori importanti per la difesa. Nell'OKH regnava un'atmosfera vittoriosa, poiché Hitler credeva che il destino di Mosca fosse deciso.

Difesa dell'Armata Rossa alla periferia di Mosca (12 ottobre - 5 dicembre 1941)

G. K. Zhukov

A metà ottobre 1941, la leadership sovietica decise di trasferire tutte le truppe della linea di difesa di Mozhaisk al Fronte Occidentale. Le truppe sovietiche, che agivano lungo l'autostrada principale, gestirono diverse unità della Wehrmacht nella regione di Mozhaisk per circa 10 giorni, guadagnando così tempo per rafforzare le linee difensive nella regione di Mosca.

Il 14 ottobre le truppe tedesche riuscirono a impossessarsi della città di Kalinin (ora Tver). Qui si formò il fronte sovietico di Kalinin, le cui truppe iniziarono a infliggere frequenti contrattacchi al nemico, rompendo la sua offensiva offensiva ed eliminando il pericolo per Mosca da nord-ovest.

stagione di strade dissestate

Il 19 ottobre 1941, alla periferia di Mosca, cominciò una frana, espressa dal fatto che le strade si trasformavano praticamente in gelatina di fango. La frana ha causato gravi difficoltà di approvvigionamento per la Wehrmacht; per la parte sovietica, sebbene abbia portato a difficoltà, non era così insolito. A questo proposito, l'offensiva dell'esercito tedesco ha rallentato di nuovo, cosa che non ha mancato di usare la leadership sovietica. A Mosca, furono equipaggiate grandi forze provenienti dalle riserve del Comando Supremo, furono equipaggiate delle linee difensive.

Tuttavia, anche il 15 ottobre, l'evacuazione di varie istituzioni statali è iniziata dalla capitale. Il 20 ottobre è stato introdotto uno stato di assedio in città. Ma I.V. Stalin ha rifiutato di lasciare la città, dimostrando una forte fiducia nel destino di Mosca. Il compito di organizzare la difesa degli approcci a Mosca fu affidato al comandante del Fronte occidentale, il generale GK. Zhukov e la città stessa - comandante della guarnigione di Mosca, il tenente generale Artemyev.

Il periodo del disgelo si è concluso il 4 novembre con l'inizio del gelo. I generali tedeschi attesero il gelo come un sollievo che potesse salvare le truppe dalle difficoltà del disgelo. Ma in realtà, il peggio per loro era solo all'inizio. Le gelate hanno colpito quasi istantaneamente le unità della Wehrmacht, non preparate per condizioni meteorologiche difficili.

Tuttavia, l'offensiva tedesca continuò. Nel ventesimo ottobre, le truppe tedesche iniziarono a spostarsi verso Tula, e il 29 raggiunsero la città. 50a armata difensiva di Tula. Lei, facendo affidamento sulla linea fortificata, creata con l'ampia partecipazione dei cittadini, è riuscita a trattenere il nemico e ad impedirgli di sfondare. Dopo il crollo dei piani per la rapida cattura di Tula, le unità del German 2nd Tank Group iniziarono a spostarsi ad est della città, con lo scopo di afferrare il 50 ° esercito sovietico e dirigersi a Mosca dal sud. Ma qui, alla fine di novembre, il nemico avrebbe dovuto fallire: le truppe sovietiche, continuamente in contropiede, riuscirono a fermare completamente l'avanzata dei tedeschi.

Parata 7 novembre 1941

Il 7 novembre 1941 si tenne una tradizionale parata di truppe sovietiche sulla Piazza Rossa. Prima che le truppe, alcune delle quali dopo la parata andassero immediatamente in prima fila, fecero di I.V. Stalin. Nel suo discorso, ha ricordato ai soldati sovietici che avevano una "grande missione per liberare i popoli europei resi schiavi dal fascismo". Questa esibizione e la parata in generale hanno avuto un effetto potente, che ha causato un aumento dello spirito combattivo delle truppe e della gente. È diventato chiaro che Mosca non si sarebbe arresa.

L'attacco generale della Wehrmacht a Mosca è iniziato il 15-16 novembre. In questo momento, la Wehrmacht aveva già 51 divisioni, di cui 13 tank. Tale riduzione delle truppe coinvolte nell'operazione, rispetto alla fine di settembre, è dovuta al fatto che alcune delle forze della Wehrmacht sono state costrette dalle truppe sovietiche o hanno subito perdite e sono state portate sul retro per rifornire e restaurare il materiale.

Durante la fine di novembre, i tedeschi riuscirono a impadronirsi di Klin e Solnechnogorsk, oltre a raggiungere il canale Mosca-Volga. Circa 30 chilometri rimasero al Cremlino, ma i tedeschi non riuscirono a superarli. La difesa sovietica divenne più densa rispetto a ottobre, e ora la Wehrmacht era contro le truppe, il cui numero totale era di circa 1 milione di persone e 800 carri armati. Avendo perso una schiacciante superiorità numerica sulle linee decisive, le truppe tedesche persero rapidamente la loro abilità "penetrante" e alla fine di novembre - inizio dicembre furono impantanate nelle battaglie locali, che si erano completamente fermate entro il 5 dicembre 1941.

Risultati di battaglie difensive

Come risultato delle battaglie di ottobre-dicembre 1941, la Wehrmacht ha subito perdite di circa 200 mila persone. Le truppe tedesche hanno perso la loro capacità di attacco e le forti gelate hanno praticamente paralizzato le loro azioni attive. I casi di congelamento, così come le relative perdite, sono diventati frequenti. All'inizio di dicembre, il gruppo di eserciti, una volta formidabile, il Centro, era triste. Tuttavia, era ancora un impressionante gruppo di circa 1.700.000 persone, situato alle porte della capitale sovietica.

Le truppe sovietiche hanno subito perdite molto più gravi: circa 650mila persone sono state uccise, ferite e catturate. Tuttavia, queste perdite non erano affatto critiche: a novembre, il numero delle truppe è stato nuovamente portato a un milione. Il morale dell'Armata Rossa era molto alto, a differenza della Wehrmacht.

Tenendo conto di tutti questi fattori, la leadership sovietica ha deciso di condurre un'operazione controffensiva per allontanare i tedeschi da Mosca, e anche per sconfiggere il Centro del Gruppo dell'Esercito. La pianificazione per l'operazione iniziò nel periodo di pesanti battaglie difensive e subordinata alla superiorità numerica del nemico.

Il comando tedesco prevedeva di mantenere la difesa per rilanciare un attacco contro Mosca in una situazione favorevole.

L'inizio dell'offensiva (5 dicembre 1941 - 8 gennaio 1942)

controffensiva

All'alba del 5 dicembre 1941, le truppe sovietiche (il fronte di Kalinin) lanciarono improvvisamente una controffensiva per i nazisti vicino a Mosca. Il giorno dopo, anche il Fronte Occidentale lanciò un'offensiva, grazie alla quale il Centro del Gruppo dell'Esercito tedesco fu sottoposto a forti pressioni da parte delle forze sovietiche. Fin dai primi giorni l'Armata Rossa ha subito gravi perdite, ma è riuscita a lanciare un'offensiva di successo.

Nei primissimi giorni, il comando tedesco non aveva ancora dati che potessero fornirgli un'immagine chiara degli eventi in corso. Tuttavia, la direzione ha realizzato l'intera scala del possibile disastro. Considerando che l'attacco della Wehrmacht fallì, l'8 dicembre 1941, Hitler ordinò alle truppe tedesche di andare sulla difensiva su tutto il fronte orientale. Tuttavia, era impossibile mantenere tutte le terre catturate durante la campagna del 1941.

Nella direzione di Kalininsky, le truppe sovietiche, incuneate nelle difese nemiche, lo costrinsero a iniziare a ritirare le truppe da Kalinin. Come risultato di intense battaglie, la città fu liberata il 16 dicembre, e le forze fresche portate in battaglia abbracciarono le posizioni dei tedeschi dal sud, creando così la sporgenza Rzhevsky.

Nella direzione centrale (Klin e Solnogorsk), anche le battaglie si sono sviluppate drammaticamente. I tedeschi stavano progettando di trasformare Klin in un punto fortificato e costringere le truppe sovietiche a subire enormi perdite nei loro tentativi di conquistare la città. Tuttavia, entro il 13 dicembre, le unità dell'Armata Rossa riuscirono a formare delle unità della Wehrmacht a semicerchio, così il comando tedesco dovette ritirare le truppe ad ovest. Di conseguenza, Wedge è stato preso già il 16 dicembre. 20 dicembre Volokolamsk è stato rilasciato. Le città di Naro-Fominsk e Borovsk furono liberate a sud-ovest di Mosca alla fine di dicembre-inizio gennaio.

offensivo

Nell'area di Tula, le truppe sovietiche hanno attaccato gli ordini del 2 ° Gruppo Tank tedesco. Parti della Wehrmacht, cercando di mantenere la loro efficienza di combattimento e prevenire una catastrofe, iniziarono a ritirarsi verso ovest e sud-ovest. Come risultato di aspri combattimenti, le truppe sovietiche riuscirono a eliminare la minaccia a Tula e creare i prerequisiti per la liberazione di Kaluga, avvenuta il 30 dicembre.

L'8 gennaio è finita l'offensiva sovietica vicino a Mosca.

Continuazione della controffensiva sovietica (9 gennaio - 20 aprile 1942)

Come risultato della controffensiva sovietica, si aprirono prospettive molto brillanti per l'Armata Rossa. Considerando il fatto che le truppe non hanno perso la loro capacità di combattimento e la loro offensiva offensiva, la dirigenza sovietica ha deciso di lanciare un'offensiva per buttare fuori i tedeschi da Rzhev e distruggere i tedeschi nel piatto di Demyansk. Tuttavia, queste azioni delle truppe sovietiche furono molto infruttuose. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che le truppe hanno ancora subito perdite significative durante le operazioni precedenti, oltre a condizioni meteorologiche molto difficili.

Nell'area di Rzhev, le truppe tedesche costruirono una difesa molto potente, che era flessibile. Avendo riserve dietro la linea del fronte, i tedeschi, sebbene con grande difficoltà, riuscirono non solo a mantenere Rzhev e Demyansk, ma anche a ristabilire una connessione terrestre con Demyansk.

Nella direzione centrale, alla fine di gennaio, le forze sovietiche tentarono di circondare l'Army Group Center, per il quale una massiccia forza d'assalto aviotrasportata fu dispiegata nell'area di Rogachev come parte della 4a brigata aerea. Inoltre, la trentatreesima armata sotto il comando del tenente generale MG Efremov fu avanzata verso i paracadutisti. Однако немецкие войска, сумев организоваться после длительного отступления, нанесли удар по тылам армии, которые не были прикрыты. В результате 33-я армия попала в окружение, в котором находилась весьма продолжительное время и из которого смогла выйти лишь часть её личного состава. Сам генерал-лейтенант Ефремов застрелился.

В результате боёв января-апреля 1942 года, на западном направлении инициатива начала ускользать из рук Красной Армии. Советские войска понесли ощутимые потери и к маю были вынуждены перейти к обороне.

Потери сторон и итоги битвы за Москву

В ходе Московской битвы советские войска понесли огромные потери. Около 930 тысяч человек было убито, умерло от ран либо попало в плен. Примерно 880 тысяч человек составили потери Красной Армии ранеными. Также было потеряно более 4000 танков и около тысячи самолётов.

Немецкие потери составили примерно 460 тысяч человек убитыми и умершими от ран. Потери в боевой технике составили около 1600 танков и 800 самолётов.

Результаты битвы за Москву весьма противоречивы и до сих пор являются одной из тем оживлённых споров военных историков. При этом нужно оценивать не только территориальные результаты сражения, но и потери, а также изменения в стратегической и оперативной обстановке для обеих сторон.

В ходе Московской битвы Красная Армия понесла громадные потери (особенно на её начальном этапе), но затем сумела нанести ряд поражений немецким войскам, освободив часть потерянной в октябре-декабре территории. Однако в то же время советское командование упустило реальную возможность полного разгрома самой мощной немецкой группировки - группы армий "Центр" - и добиться победы над Третьим Рейхом уже в 1942-1943 годах. Тем не менее, наступательные операции были также проведены и на других участках фронта, что поставило немецкие войска в очень сложное положение. Тем не менее, уже в конце апреля 1942 года ситуация для советских войск начала ухудшаться, и вскоре инициатива вновь перешла к вермахту.

Немецким войскам удалось в начале сражения продвинуться практически вплотную к Москве, но затем, понеся серьёзные потери, и отступить на 150-300 километров на запад. Кроме того, некоторые части вермахта оказались в крайне невыгодном оперативном положении, ввиду чего им пришлось летом-осенью 1942 года проводить ряд частных операций по ликвидации угроз. В то же время немцам так и не удалось овладеть Москвой, и уже летом 1942 года вермахт вновь был вынужден начинать изнурительное наступление вглубь Советского Союза. Германия оказалась втянута в затяжную войну, победного конца которой не было видно. Тем не менее, командованию вермахта удалось спасти Восточный фронт от краха зимой 1941-1942 года и сохранить боеспособность войск.

Для Гитлера советское контрнаступление под Москвой стало весьма неприятным "сюрпризом", вину за который он возложил на целый ряд немецких военачальников. Так, в декабре-январе со своих должностей были смещены: главнокомандующий сухопутными силами Германии В. фон Браухич (его место занял сам Гитлер), командующий группой армий "Центр" Ф. фон Бок, а также командующий 2-й танковой группой Г. Гудериан. Эти перестановки стали своеобразным признаком истерии, царившей в кругах германского командования перед лицом возможной катастрофы.

Для союзных СССР держав битва под Москвой стала своеобразным "открытием" - стало ясно, что немцев можно бить и побеждать. С целью лично убедиться в успехах советского оружия, под Москвой побывал ряд официальных лиц из Великобритании и США. Масштабы победы над вермахтом поразили их.

Для советского народа победа под Москвой также стала первой радостной вестью за долгие месяцы страданий и потерь. Стало ясно, что победа над нацизмом неминуема.

Учитывая все факты, можно с уверенностью сказать, что битва под Москвой, хоть и была по сути ничьей в военно-оперативном отношении, но стратегически она однозначно стала победой как для Советского Союза, так и для его союзников.

Guarda il video: WW2 - OverSimplified Part 2 (Giugno 2019).