Presidente della Corea del Nord: tributo formale al culto della moda o della personalità

Ad oggi, non ci sono molti stati rimasti nel mondo in cui la forma di governo autocratico sia stata pienamente preservata. Formalmente, quasi tutte le formazioni statali sulla mappa politica del mondo sono divise in due tipi: la monarchia costituzionale e la repubblica. Nel primo caso, il capo di stato formale è il monarca. Nella maggior parte dei casi, il capo dello stato diventa il presidente, il cui status è sancito a livello legislativo.

Leader nordcoreani

Tuttavia, in realtà, lungi dall'essere sempre i sistemi esistenti di stato e struttura politica sono in una forma classica. Molti stati seguono il proprio percorso di sviluppo, dove tutto il potere politico e supremo è concentrato nelle mani di un piccolo gruppo di persone unite da opinioni politiche comuni e ideologia di partito. Uno di questi stati è la Repubblica popolare democratica di Corea, lo stato più autoritario e autocratico del nostro tempo. Questo è forse l'unico paese al mondo, al timone del quale esiste un regime politico che si è effettivamente trasformato in una casta chiusa.

È curioso che l'attuale Costituzione della RDPC legittima il principio ereditario e familiare di formazione del potere nel paese, legittimando la forma autocratica del governo. In pratica, tutte le esistenti, in conformità con la Legge fondamentale, le autorità rappresentative della Corea del Nord sono diventate tipiche simulacri con solo autorità formale.

Bandiera della Corea del Nord

Sfondo della formazione dello stato nordcoreano

Per sei secoli, la Corea era un unico stato in cui tutto il potere supremo apparteneva a re e imperatori. Alla fine del XIX secolo, il paese divenne brevemente un impero. Tutto il potere statale nel paese passa all'imperatore. Nonostante abbia i suoi strumenti di governo, il paese è costantemente all'ombra del suo vicino orientale. In tutte le aree della vita della società coreana si sente l'influenza giapponese, che alla fine raggiunge un livello nazionale.

Penisola coreana

Durante il primo decennio del 20 ° secolo, si svolgono una serie di eventi storicamente importanti, in seguito ai quali la Corea perde la sua indipendenza. Innanzitutto, il territorio della Corea diventa teatro dello scontro militare tra due imperi: il russo e il giapponese. Avendo vinto nella guerra russo-giapponese del 1904-05, l'impero giapponese ottenne completa libertà d'azione nella penisola coreana. Come risultato del trattato firmato dai due paesi nel novembre 1905, la Corea diventa il protettore dell'Impero giapponese. Questo documento è stato l'inizio della fine dell'esistenza indipendente dello stato coreano. Nell'arco di cinque anni, nell'agosto del 1910, il protettorato sarà sostituito dalla completa annessione della penisola coreana. Da questo momento e nei successivi 35 anni, la Corea diventa una colonia giapponese, dove tutto il potere è nelle mani del governatore generale. I decreti e gli ordini emessi dagli incaricati dell'imperatore giapponese portavano la forza della legislazione, regolando tutte le sfere della vita sociale e sociale della società coreana.

Re e imperatori coreani

La Corea nello stato di una colonia giapponese rimase esattamente 35 anni. L'occupazione giapponese della penisola terminò nell'agosto del 1945, quando le truppe sovietiche e americane entrarono nel paese. Le truppe sovietiche occuparono la parte settentrionale del paese, mentre le truppe americane erano di stanza nella parte meridionale della penisola coreana. Alla fine della Conferenza di Potsdam, il 38 ° parallelo era la linea di demarcazione delle forze alleate. In ogni parte del paese un tempo unito, le sue amministrazioni operavano, facendo affidamento sulle forze di occupazione sovietiche e americane. Nonostante il fatto che gli ex alleati della coalizione anti-hitler dichiararono dichiarativamente che lo stato coreano sarebbe ristabilito al più presto, i tentativi di trovare un compromesso tra il Nord e il Sud fallirono.

In assenza di una via d'uscita dall'impasse, entrambi i lati del conflitto politico hanno deciso di agire in modo indipendente. Nel 1948, il 15 agosto, la creazione di una nuova entità statale, la Repubblica di Corea, fu annunciata nella zona di responsabilità delle truppe americane. In risposta a questa iniziativa politica, i comunisti nordcoreani, sostenuti dalla Cina e dall'Unione Sovietica, hanno annunciato la creazione della Repubblica popolare democratica di Corea. Il 38 ° parallelo divenne il confine tra i due stati coreani, che si trasformò in una barriera artificiale che divideva la penisola coreana e il popolo coreano in due parti.

Proclamazione della RPDC

Nel sud, il paese era guidato dal presidente Lee Seung Man eletto il 24 luglio dall'Assemblea nazionale. Insieme alla creazione di un posto presidenziale in Corea del Sud, sono stati creati tutti gli organi governativi necessari. Tutti i poteri dell'amministrazione militare americana furono trasferiti al nuovo governo della Repubblica di Corea.

Modello governativo nordcoreano

Nella parte settentrionale della penisola sul territorio della Repubblica popolare democratica di Corea, il corso fu inizialmente preso per costruire un modello socialista dello stato, in cui tutte le principali funzioni di governo del paese erano affidate all'élite del partito. La principale forza politica nella RPDC era il partito laburista della Corea, la cui leadership è riuscita a concentrare nelle loro mani tutta la potenza. La leadership del partito, guidata dal presidente TPK, divenne nominalmente il governo del paese, riunendo poteri legislativi ed esecutivi. La prima Costituzione nordcoreana fu adottata l'8 settembre 1948.

Prima costituzione della Corea del Nord

Conformemente al testo della Legge fondamentale, tutto il potere nel paese apparteneva al popolo coreano, che, sotto la stretta guida del partito laburista della Corea, dovrebbe sforzarsi di costruire uno stato socialista forte e potente. Presenti nella prima costituzione sono articoli che definiscono i principali organi del potere statale nel paese. In particolare, questi includono:

  • La Suprema assemblea popolare è il più alto organo legislativo e rappresentativo della RPDC;
  • Presidente del Comitato di difesa dello Stato - la più alta posizione militare nel paese;
  • Il Comitato di difesa dello stato è la principale autorità militare del paese;
  • Presidium dell'Assemblea nazionale;
  • Il Consiglio dei ministri è l'autorità esecutiva nel paese.

A livello locale, le assemblee delle persone regionali e le commissioni locali erano rivestite di autorità.

Assemblea popolare suprema

Secondo il testo della Costituzione della Corea del Nord, la capitale dello stato è Seoul, una città situata nella parte meridionale della penisola coreana e situata al di fuori dell'area di competenza delle autorità nordcoreane.

Nella Costituzione della Repubblica di Corea e nella Legge fondamentale della RPDC, l'idea dell'unità dello Stato coreano è una linea rossa. Ognuna delle parti - il regime politico della Corea del Sud e la direzione del partito della Corea del Nord - si è posta obiettivi ambiziosi e obiettivi mirati alla prima unificazione della Corea sotto una singola amministrazione e sulla base di un'ideologia.

Come si può vedere dal testo della Legge fondamentale, l'incarico di presidente della Corea del Nord non appare neppure nelle più alte sfere di potere della RPDC. I principi della democrazia in Corea del Nord, familiari a qualsiasi stato democratico nazionale, sono affidati a enti governativi. L'unico e significativo emendamento a tutto questo è il completo controllo dei partiti sui rami del governo.

Sessione del comitato nazionale di difesa

Presidente della Corea del Nord

Nel 1946, Kim Il Sung, il regno del 1948-1994, assunse i primi ruoli nell'olimpo politico del regime nordcoreano. Riuscì a creare un forte apparato di partito, basato interamente sul sostegno politico-militare dei comunisti cinesi e dell'Unione Sovietica. Nel settembre del 1948, quest'uomo non solo era a capo del Partito dei lavoratori della Corea, ma era anche ufficialmente eletto capo del Gabinetto dei ministri della RPDC. La politica interna ed estera della leadership nordcoreana in quegli anni era determinata dall'amministrazione militare sovietica. Dopo il ritiro delle truppe sovietiche nel dicembre 1948, l'intera élite del partito della RPDC e la leadership del paese sono influenzate dagli ambasciatori e dai consiglieri militari sovietici.

Kim Il Sung - leader del partito

Rafforzare l'élite del partito nelle strutture di potere del paese e Kim Il Sung come presidente del Partito laburista coreano iniziò nel 1950, quando scoppiò uno scontro armato tra Nord e Sud nella penisola coreana. Fin dall'inizio per il conflitto armato, il leader del TPC ha assunto la carica di Comandante Supremo. Nonostante il fatto che le parti in conflitto si siano scambiate colpi reciproci, la guerra si protrasse più tardi, diventando uno dei più sanguinosi conflitti militari della seconda metà del XX secolo.

Nel 1951, dopo che le forze degli avversari erano sulle linee di partenza, entrambe le parti si sedettero al tavolo dei negoziati. Nonostante questo, i combattimenti nella penisola coreana continuarono fino al luglio del 1953. Con la mediazione dell'India e delle Nazioni Unite, le parti hanno concluso un accordo di cessate il fuoco il 27 luglio 1953.

Va notato che il ruolo principale nei negoziati con la parte sudcoreana e i rappresentanti delle Nazioni Unite è stato svolto dalla parte cinese. L'esercito nord-coreano, insieme alla direzione del partito del paese dopo la morte di Stalin il 5 marzo 1953, divenne ostaggio della situazione politico-militare. I consiglieri militari sovietici furono richiamati dal paese e i rappresentanti dell'Esercito di Liberazione Popolare Cinese presero le prime posizioni militari.

Colloqui di pace

Tuttavia, nonostante le difficoltà politiche con i suoi nuovi committenti, il regime politico nordcoreano ha dimostrato la sua vitalità e adattabilità ai rapidi cambiamenti nel contesto politico. Il paese, guidato da Kim Il Sung, con un'assistenza economica attiva dall'URSS e dal PRC, è stato in grado non solo di affrontare rapidamente le conseguenze di un devastante conflitto militare, ma anche di dimostrare il successo nell'economia. Il Presidente del TPC, il Presidente del Comitato di difesa dello Stato e contemporaneamente il capo del Consiglio dei Ministri della Corea del Nord, Kim Il Sung, ha abilmente affrontato due dei suoi mecenati politici, Mosca e Pechino.

La retorica politica in Corea del Nord è stata influenzata da eventi che si sono svolti prima in Unione Sovietica e successivamente in Cina. Il Khrushchev Thaw, che iniziò dopo la morte di I.V. Stalin, fu fortemente criticato dalla direzione del partito della RPDC. Ciò ha portato a un deterioramento dei legami politici ed economici con l'Unione Sovietica. Il riorientamento del regime politico della Corea del Nord verso la Cina si è concluso con l'inizio della "rivoluzione culturale cinese". Kim Il Sung, che guida il regime politico della RPDC, costruito sulla base delle dottrine del marxismo-leninismo e precedentemente orientato verso l'Unione Sovietica, divenne l'antenato della nuova ideologia Juche. L'idea principale del nuovo insegnamento era nel ruolo dell'uomo, guidato da idee rivoluzionarie volte allo sviluppo indipendente delle masse. In altre parole, la nuova idea si concentrava sulla costruzione di un paradiso socialista con una faccia coreana.

Kim Il Sung e Mao Zedun

Grazie a una nuova ideologia portata al rango di politica statale, Kim Il Sung è stato in grado non solo di prendere le distanze dall'influenza politica esterna, ma anche di giustificare ideologicamente l'esclusività del proprio potere e dei suoi successori.

Potere incondizionato del leader della Corea del Nord Kim Il Sung

A partire dalla fine degli anni '50, tutto il potere nel paese passò nelle mani degli associati di Kim Il Sung. Praticamente tutti i posti alti e principali sono occupati da ex partecipanti di azioni militari e movimento partigiano. Come risultato del dominio dei più alti gradi di potere da parte dei funzionari di partito, altruisti fedeli al loro leader, la RPDC diventa uno stato totalitario. Lo stato interferisce in tutti gli aspetti della vita della società civile. Il regime politico, basandosi sull'ideologia ufficiale Juche, acquisisce le caratteristiche dell'estremo centrismo e del volontarismo. Il culto della personalità di una persona al potere sta rapidamente guadagnando forza. Lo stato nordcoreano fa affidamento solo su un potente apparato di partito e sull'esercito nordcoreano, che è diventato un affidabile baluardo dell'attuale regime politico.

Culto della personalità

Anche rispetto ad altri regimi politici socialisti e comunisti, il regime nordcoreano è autoritario e totalitario. Nella parte superiore di questa piramide si trova la personalità del grande leader, che per 46 anni è stato Kim Il Sung. È sufficiente elencare i ranghi e le posizioni che il grande leader del popolo coreano indossava e teneva in varie occasioni:

  • dal settembre 1948 al dicembre 1972 - presidente del Consiglio dei ministri della RDPC;
  • dal dicembre 1972, Presidente della Corea del Nord;
  • delegato permanente dell'Assemblea popolare suprema di tutte le convocazioni;
  • dal 1950, Presidente del Comitato militare della Repubblica popolare democratica di Corea;
  • il comandante supremo permanente dell'esercito nordcoreano;
  • nel 1953, Kim Il Sung ottenne il titolo di maresciallo della RPDC;
  • due volte eroe della Repubblica popolare democratica di Corea;
  • Eroe del lavoro della RPDC;
  • nell'aprile 1972, il Primo Presidente della RPDC ricevette l'Ordine di Lenin;
  • dall'aprile del 1992, il Generalissimo della RPDC.

Nel 1972, il 27 dicembre, nella sessione dell'Assemblea popolare suprema della quinta convocazione, fu adottata la seconda Costituzione della Repubblica popolare democratica di Corea. La nuova Legge fondamentale introduce un posto presidenziale nel paese, determina lo stato di vita del presidente. In conformità con la Costituzione del 1972, Kim Il Sung diventa presidente per il mandato della Suprema Assemblea Popolare - non due termini di fila, non tre, non quattro.

Kim Il Sung - Presidente

La nuova costituzione definiva i poteri e i doveri illimitati del presidente, che consistevano in:

  • Presidente della RPDC - il più alto funzionario statale del paese;
  • l'elezione del capo di stato è effettuata dai deputati dell'Assemblea popolare suprema;
  • Il Presidente presiede una riunione del Consiglio di amministrazione (ex Gabinetto dei Ministri della RPDC);
  • il capo dello stato guida il Comitato centrale del popolo;
  • il capo dello Stato approva le leggi adottate dall'Assemblea popolare suprema, tutte le risoluzioni del Presidium dell'Assemblea nazionale, i decreti e gli ordini del Comitato centrale del popolo;
  • Il presidente del paese ha il diritto di perdonare, di rappresentare lo stato nordcoreano sulla scena internazionale, di nominare ambasciatori, di accettare l'accreditamento di un corpo diplomatico straniero;
  • Il Presidente della RPDC ha il diritto di ratificare e denunciare i trattati internazionali, emettere i propri decreti e ordini.
Il funerale di Kim Il Sung

Il grande leader e insegnante morì l'8 luglio 1994. Tuttavia, il titolo del presidente Kim Il Sung è stato ereditato dopo la morte. La presidenza per quattro lunghi anni è rimasta vacante, fino a quando nel 1998 la Costituzione del paese non è stata modificata - la posizione del presidente della RPDC è stata abolita. Invece, introduce un nuovo titolo: il presidente eterno della Corea del Nord, che oggi formalmente appartiene a Kim Il Sung. Per il tardo capo di stato è stato conservato un altro titolo importante: "Il grande compagno, compagno Kim Il Sung".

Successori del primo presidente della RPDC

Dopo la morte del Grande Leader, tutte le posizioni di comando nel paese, compresa la più alta posizione di partito - il Segretario Generale del Partito dei Lavoratori della Corea - furono occupate dal figlio di Kim Il Sung Kim Jong Il, in carica dal 1994 al 2011.

Kim Jong Il con i suoi genitori

Il figlio del Grande Leader, il compagno Kim Il Sung, divenne il comandante supremo dell'Esercito popolare coreano e guidò il Comitato di difesa dello stato della RPDC.

Il pubblico mondiale ha associato l'arrivo dei migliori leader della Corea del Nord con l'inizio delle riforme nella struttura politica del paese. Tuttavia, non sono avvenuti cambiamenti significativi nella vita della società civile nordcoreana. Dopo la morte di suo padre, Kim Jong Il, occupando posizioni di governo nel paese, sovrintende il settore economico e il settore della difesa, si occupa di questioni culturali e determina la politica statale nelle relazioni con la Repubblica di Corea. Una delle attività del nuovo capo della Corea del Nord è stata lo sviluppo del programma nucleare coreano.

Kim Jong Il ha rifiutato la presidenza del paese, sottomettendo all'Assemblea del Popolo Suprema della RPDC un progetto di legge sull'abolizione della presidenza nel paese, lasciando Kim Il Sung all'eternità. Kim Jong Il è morto il 17 dicembre 2011 a Pyongyang.

Kim jong un

Il nuovo capo dello stato era il nipote del grande leader Kim Jong-un, figlio del defunto leader nordcoreano Kim Jong-il. Dopo 9 giorni, il 26 dicembre 2011, all'età di 27 anni, Kim Jong-un è stata eletta presidente del Comitato centrale del partito laburista coreano. Quattro giorni dopo, nella notte del 31 dicembre 2011, il nuovo leader dello stato diventa il comandante supremo delle forze armate della RDPC. Реформы, которые ожидались в стране с приходом на руководящие должности молодого и амбициозного политика, оказались только декларативными.

Власть в КНДР сегодня

Несмотря на то, что в Конституции КНДР власть в стране принадлежит народу, правящая партийная элита превратила всю систему государственной власти в Северной Корее в касту, замкнутую сегодня на внуке Великого вождя. Официальная резиденция главы Северокорейского государства отсутствует. Вместо этого в Северной Кореи существует нумерация объектов, в которых может по долгу службы находиться Высший руководитель КНДР.

Два культа

Главной особенностью политического режима в Северной Корее времен правления Ким Чен Ира является стойкая пропаганда культа личности покойного первого президента страны Ким Ир Сена и его сына Ким Чен Ира. В 2013 году по инициативе нового лидера страны руководству Южной Кореи было предложено подписать новый мирный договор, однако это решение осталось только на бумаге. С 2014 года Северная Корея активно идет по пути самоизоляции, стремительно развивая собственную ядерную программу.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...