I cosmodromi più famosi del nostro pianeta

I primi tentativi di un uomo di lasciare i limiti del nostro pianeta sono collegati non solo con l'avvento del razzo e della tecnologia spaziale. Il processo di creazione di missili in grado di volare su lunghe distanze e di superare la forza di gravità, ha comportato non solo la creazione di mezzi di trasporto completamente nuovi. Un'enorme industria terrestre, che comprende i cosmodromi operativi della Russia, i complessi di lancio americani a Cape Canaveral e il cosmodromo francese Kuru, situato nella Guiana equatoriale, stanno attualmente lavorando all'esplorazione spaziale. La Cina e il Giappone hanno i loro complessi di lancio. Oggi, quasi tutti i siti di lancio spaziale sono segnati sulla mappa, mentre oltre mezzo secolo fa, i siti di lancio dei razzi spaziali erano gli oggetti più segreti del nostro pianeta. Più recentemente, 50-60 anni fa, poche persone avevano un'idea di quale dovrebbe essere il luogo di lancio dei missili portati nello spazio.

Luoghi di lancio chiave

Il desiderio successivo e l'aspirazione delle persone a iniziare lo sviluppo dello spazio vicino alla Terra richiesero la creazione di speciali complessi di lancio progettati per garantire il lancio della tecnologia missilistica. Insieme ai programmi per il lancio di veicoli spaziali e l'organizzazione di voli nello spazio aperto, nel programma spaziale è apparsa una nuova direzione: la costruzione e la creazione di un elemento di lancio a terra del razzo e dell'infrastruttura spaziale.

Grazie al lavoro svolto dal titanico lavoro di ingegneri e specialisti di entrambe le sponde dell'Oceano Atlantico, che sono stati in grado di creare sistemi missilistici di lancio, oggi il lancio dello spazio è diventato parte del processo di lavoro dell'intero programma di esplorazione spaziale.

I primi passi dell'URSS e degli USA sull'esplorazione dello spazio.

L'emergere di armi nucleari ha segnato l'inizio di una corsa agli armamenti - un processo senza precedenti nella storia moderna associato alla creazione e all'assimilazione di nuove armi, portatrici di armi nucleari. Lo scontro politico-militare dell'Unione Sovietica e degli Stati Uniti portò inconsapevolmente al rapido sviluppo del razzo e dell'industria spaziale. La tecnologia missilistica per l'URSS era l'unico mezzo tecnico in grado di fornire una risposta adeguata alla crescente minaccia militare dall'estero. Le economie, il potenziale militare-industriale dell'Unione Sovietica e degli Stati Uniti consentirono loro di attuare autonomamente i loro programmi spaziali. La tecnologia missilistica del Terzo Reich, che i sovietici e gli americani hanno ottenuto come trofei, ha permesso di accelerare significativamente non solo gli sviluppi scientifici, ma anche di spostare il ciclo di produzione. I programmi spaziali militari dell'URSS e degli Stati Uniti devono i loro risultati a molti ingegneri tedeschi che sono stati attivamente coinvolti nella creazione dei primi missili balistici intercontinentali.

Regine e von Braun

Creati dagli sforzi degli ingegneri sovietici sotto la guida di Sergei Pavlovich Korolev, i primi missili balistici intercontinentali divennero il prototipo dei futuri veicoli spaziali. I risultati raggiunti e le nuove tecnologie diedero il via alla nuova razza-razzo spaziale, che rese sia l'URSS che gli Stati Uniti per molti anni leader tra gli altri paesi sulla via dell'esplorazione spaziale.

Inutile dire che l'esplorazione dello spazio è iniziata naturalmente. La corsa nello spazio missilistico fu il risultato delle politiche della leadership di entrambi gli stati, che cercarono di superare l'avversario con qualsiasi mezzo. Lo spazio ha dato per questo un campo infinito di manovra. Avendo raggiunto il successo nell'attuazione dei programmi spaziali, sia l'URSS che gli Stati Uniti speravano di ottenere una vittoria ingegneristica e scientifica sul nemico, per non parlare dell'importanza politica della rivalità.

I siti di smaltimento dei reparti di difesa degli Stati Uniti e dell'URSS per testare la tecnologia missilistica non hanno permesso ai programmi su larga scala di lanciare veicoli spaziali nello spazio. I cosmodromi statunitensi a pieno titolo iniziarono a essere costruiti quasi simultaneamente con l'inizio di un simile lavoro in Unione Sovietica. Progettato per l'esplorazione spaziale, il razzo Jupiter americano e il razzo sovietico, creato sulla base del razzo intercontinentale P 7, necessitava di potenti complessi di lancio che avrebbero fornito l'intero ciclo di addestramento pre-volo e il lancio stesso del razzo. Quando costruirono una rampa di lancio per un missile intercontinentale, i sovietici e gli americani usarono l'esperienza tedesca nella costruzione di siti di lancio nella Germania nazista, da dove volavano i missili balistici V-2 tedeschi.

Anche allora, è diventato chiaro agli ingegneri sovietici e ai loro colleghi americani che è stato necessario fare un enorme lavoro. Era necessario costruire non solo il punto di partenza, ma anche creare un enorme complesso tecnico e ingegneristico, tra cui:

  • avviare direttamente la tabella stessa;
  • capannoni da magazzino e officina di montaggio;
  • stoccaggio di combustibile;
  • sistemi di sicurezza e di sicurezza;
  • punti di controllo e gestione dei lanci di missili;
  • sistema di approvvigionamento energetico e infrastrutture di trasporto.

È necessario tener conto del fatto che la costruzione di una struttura di tale portata sarà effettuata in aree deserte e disabitate, dove non esiste una rete di trasporti stabilita e nessuna fonte di approvvigionamento energetico. È stato necessario creare da zero un enorme complesso industriale e tecnico in grado di servire autonomamente i lanci successivi tenendo conto e calcolando le aree della caduta prevista delle fasi esaurite di un razzo spaziale.

Tali aree sono state trovate sia in URSS che negli Stati Uniti. Ad oggi, il territorio della Federazione Russa ha due dei suoi cosmodromi: Plesetsk e Vostochny, costruiti di recente in Estremo Oriente. Il famoso e leggendario Baikonur, situato sul territorio del Kazakistan, è costretto ad affittare la Russia.

Spaceport Plesetsk

Costruzione di spazioporti in URSS

La costruzione di piattaforme per il lancio di sistemi di consegna dello spazio è stata preceduta da un lungo e scrupoloso lavoro preparatorio. Nell'URSS, il sito di prova del Ministero della Difesa "Tyura-Tam", situato sul territorio del Kazakistan, è diventato il primo posto per il lancio e il precursore dei fronti spaziali del futuro. La scelta del luogo non è stata casuale. Terreni deserti e deserti perfettamente adatti per attività così rischiose e complesse, che furono i lanci dei primi missili. Inoltre, una tale disposizione del complesso di lancio ha permesso il lancio all'inizio dei parametri astrofisici naturali della rotazione terrestre, che ha reso più facile per il veicolo di lancio superare la forza di gravità e consegnare con successo veicoli spaziali. Va notato che il luogo è stato scelto in considerazione della situazione politico-militare nel mondo in quel momento nel mondo. La nuova struttura è stata costruita nel più stretto segreto, e quindi dovrebbe essere situata sul territorio situato all'interno del paese, a una considerevole distanza dal confine di stato.

Costruzione del sito "Tyura-Tam"

La costruzione del nuovo complesso di lancio iniziò all'inizio del 1955. Ufficialmente, la data del 2 giugno 1955 fu il compleanno del primo cosmodromo del mondo. La costruzione fu eseguita ad un ritmo intenso, così dopo due anni nel maggio 1957 un nuovo complesso di lancio fu sottoposto alla commissione statale. Il razzo sovietico R-7 è stato installato sulla piattaforma di lancio e pronto per il primo lancio a scopi pacifici. Tutti i successivi razzi spaziali, incluso il leggendario razzo Vostok, che lanciò il primo veicolo spaziale con equipaggio nell'orbita vicino alla Terra, furono creati sulla base di questi veicoli di lancio nell'Unione Sovietica. Da questo momento inizia la gloriosa storia del programma spaziale sovietico. Nonostante i primi lanci infruttuosi, il 4 ottobre 1957, un razzo con il primo satellite artificiale PS-1 della terra partì dalla rampa di lancio del nuovo cosmodromo.

Analizzando il programma spaziale sovietico, è importante considerare il seguente aspetto. Il nuovo cosmodromo, sebbene appartenesse di fatto al dipartimento militare, fu costruito esclusivamente per l'attuazione dei programmi spaziali sovietici. All'inizio della costruzione del razzo e del complesso di lancio, all'oggetto è stato assegnato un numero di truppe, e il cosmodromo stesso ha insegnato lo stato di un campo di prova militare.

Il sito di lancio di Baikonur

Il nuovo sito di lancio, insieme all'adiacente città di Baikonur, è diventato un unico razzo e complesso spaziale, Baikonur. In Occidente, il centro spaziale sovietico continuò per molto tempo a chiamarsi "Tyuratam". In meno di 50 anni da tutti i siti di lancio di Baikonur, sono stati lanciati più di un migliaio di veicoli spaziali di vari scopi. Da qui sono stati effettuati test di lancio di missili balistici intercontinentali di nuova creazione.

Lo spazioporto sovietico diede il via alla vita e ai primi voli con equipaggio nello spazio. Dopo il successo del lancio del razzo Sputnik-1 il 12 aprile 1961, il veicolo di lancio di Vostok con il cosmonauta Yuri Gagarin partì verso il cielo da Baikonur. Inizia l'uso intensivo del nuovo complesso di lancio per scopi militari e pacifici. In futuro, il lancio di tutte le navi con equipaggio nell'URSS e nella Federazione Russa è stato effettuato e continua ad essere effettuato principalmente da questo cosmodromo.

Infrastruttura di Baikonur

Al momento ci sono i seguenti oggetti del cosmodromo di Baikonur:

  • 9 complessi di lancio completi, inclusi fino a una mezza dozzina di lanciatori;
  • lanciatori per il lancio di ICBM;
  • impianti di assemblaggio e collaudo;
  • complessi per la preparazione pre-lancio della tecnologia e degli apparecchi a razzo;
  • impianto chimico per la produzione di combustibile per missili;
  • 3 stazioni di servizio;
  • misurazione e calcolo della stazione di telemetria per il controllo e il controllo del volo dei veicoli di lancio;
  • centrale elettrica, rete di sottostazioni di trasformazione e fino a 6000 km di linee elettriche;
  • nodi e linee di comunicazione con una lunghezza di 2700 km;
  • rete stradale e ferroviaria;
  • due aeroporti

La superficie totale dell'intero complesso è superiore a 500 km2. Il lavoro dell'enorme meccanismo è fornito dal personale, con un numero totale di 10-15 mila persone, per le quali è stata costruita un'intera città spaziale con tutte le infrastrutture sociali necessarie.

L'implementazione del supporto tecnico-militare del potenziale missilistico nucleare sovietico andò in una direzione diversa. Per questi scopi, nel 1957, si deciderà di costruire un cosmodromo di prova a Plesetsk. L'oggetto ha ricevuto il nome in codice "Angara", diventando per la prima volta la prima parte del missile, armato di missili balistici intercontinentali. Solo nel 1964, sulla base di questa parte del razzo, fu creato un campo di test di ricerca per testare e usare veicoli militari e spaziali.

Nonostante il fatto che il cosmodromo di Baikonur sia anche il più grande complesso di lancio sul territorio dell'ex Unione Sovietica, è stato Plesetsk a diventare il principale sito di lancio da cui sono stati lanciati i lanci di razzi. Plesetsk divenne il principale sito di lancio di quasi tutti i veicoli spaziali sovietici usati per studiare lo spazio e gli oggetti spaziali vicino alla Terra. Nel solo periodo dal 1966 al 2000, il cosmodromo divenne il punto di partenza di oltre mezzo migliaio di veicoli di lancio.

Lancio del razzo Soyuz da Plesetsk

Centri spaziali degli USA e di altri paesi del mondo

I primi spazioporti degli Stati Uniti furono siti di lancio della base aerea militare di Cape Canaveral, alla fine convertiti in un enorme complesso spaziale e missilistico. Fu da qui che il gigantesco veicolo di lancio Saturn-5 iniziò, nel luglio 1968, a consegnare la navicella Apollo 11 sulla Luna con tre astronauti a bordo.

Inizio di "Saturn-5"

Lo stato della Florida è diventato il centro del razzo statunitense e dell'industria spaziale. Nel corso del tempo, per l'attuazione del programma lunare Apollo, è stato nominato un nuovo centro spaziale. Kennedy, che nella sua scala ha lasciato molto indietro tutti i siti di lancio spaziale esistenti nel mondo. L'area occupata dall'intero complesso è di 575 metri quadrati. chilometri. Tutti i successivi lanci con equipaggio, compresi i voli delle navi spaziali riutilizzabili americane, furono effettuati dai siti di questo centro spaziale. Il lancio del complesso a Cape Canaveral è stato utilizzato per il lancio di veicoli spaziali senza equipaggio.

Загрузка...

Categorie Popolari

Загрузка...